Responsabile farmacovigilanza, chi è e cosa fa: requisiti, formazione e stipendio

Responsabile farmacovigilanza, chi è e cosa fa: requisiti, formazione e stipendio

Tutto ciò che c’è da sapere su una figura disciplinata in via ufficiale dall’Aifa, molto importante nell’industria farmaceutica

L’azione più importante che caratterizza un farmaco è probabilmente la farmacovigilanza, una complessa attività di monitoraggio che in ogni momento del suo ciclo di vita ne fornisce delle informazioni fondamentali. Perché questo lavoro venga svolto in modo ottimale, è stata ideata la figura del responsabile farmacovigilanza, un professionista caratterizzato da una formazione di elevata caratura, che soddisfi i requisiti per svolgere le sue mansioni. Ecco chi è e cosa fa.

 

Che cosa fa il responsabile farmacovigilanza? Le mansioni del suo lavoro

Responsabile farmacovigilanza, chi è e cosa faLa normativa italiana stabilisce che diverse tipologie di aziende, enti e organizzazioni, devono obbligatoriamente nominare un responsabile farmacovigilanza. Si tratta di una figura che per le aziende sanitarie locali, le aziende ospedaliere, gli istituti di ricovero e cura a carattere scientifico pubblici e privati, i policlinici universitari pubblici e privati e le altre analoghe strutture sanitarie, deve appunto essere necessariamente presente, perché l’attività di farmacovigilanza sia conforme alla legge.

Il responsabile farmacovigilanza gestisce tutti gli aspetti che riguardano, appunto, il complesso di attività finalizzate all'identificazione, valutazione, comprensione e prevenzione degli effetti avversi o di qualsiasi altro problema correlato all'uso dei medicinali, perché il rapporto tra benefici e rischi sia favorevole per la popolazione a cui è destinato il prodotto farmaceutico.

Questo professionista può svolgere la propria attività, come detto, in un’azienda dell’industria farmaceutica. Tra le sue mansioni vi è quella di assicurarsi che tutte le informazioni relative alla sicurezza dei prodotti arrivino a conoscenza del personale sanitario, tramite l’elaborazione di rapporti periodici di aggiornamento sulla sicurezza, la gestione delle comunicazioni da e per il Ministero della Salute, e la diffusione di note informative e aggiornamenti ai medici che prescrivono i farmaci.

Il responsabile farmacovigilanza può ricoprire incarichi anche presso strutture sanitarie, dove gestisce la banca dati dei prodotti relativi alla rete nazionale, e presso il Ministero della Salute, dove ha la funzione fondamentale di informatizzazione dei dati e gestione della rete di farmacovigilanza nazionale.

Responsabile farmacovigilanza stipendio, ecco quanto guadagna in media

Stiamo parlando, dunque, di una figura molto importante per diverse tipologie di aziende, organizzazioni ed enti. Per svolgere al meglio il ruolo di responsabile farmacovigilanza, cruciale nella gestione dei dati, occorrono infatti numerose skill, nonché un percorso accademico di un livello elevato.

Proprio in virtù di ciò, lo stipendio di questo professionista deve essere adeguato all’importanza della funzione che riveste. La retribuzione media per un lavoratore incaricato di raccogliere, elaborare e trasmettere dati, nonché di svolgere le altre mansioni del responsabile farmacovigilanza, è di oltre 54mila euro annui.

Responsabile farmacovigilanza requisiti: il percorso di formazione indispensabile per eccellere in questo lavoro

Come accennato in precedenza, ricoprire in modo ottimle una posizione come quella del responsabile farmacovigilanza, è necessario che questa figura soddisfi tra i propri requisiti quello di annoverare nella propria formazione un percorso di elevata caratura, dal taglio pratico, e altamente qualificante per affrontare un ruolo così complesso.

Tra gli sbocchi occupazionali previsti dal Master in Management e Marketing dell’Industria Farmaceutica della Business School Alma Laboris, vi è anche quello del responsabile farmacovigilanza. Un professionista, o futuro tale, che verrà seguito dall’inizio alla fine del percorso dai docenti altamente qualificati che compongono la faculty, e dal servizio placement gratuito, che orienterà il partecipante alla carriera e lo inserirà in un network formato da aziende e recruiter. Agevolazioni previste per chi effettua un’iscrizione anticipata alle lezioni.

 

Hai mai pensato di fare Carriera nel Settore Farmaceutico?

Master Management e Marketing dell'Industria Farmaceutica

 

 


banner_vademecum.png
Image
Si prega di digitare Nome e Cognome.
Si prega di inserire una Email.
Questo campo è Obbligatorio

POTREBBE INTERESSARTI


Contatta la Business School
Seguici su:

Seguici su:

Questo sito usa cookie, anche di terzi, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Procedendo con la navigazione accetti l'uso di tali cookie. Leggi Cookie Policy.