Formazione e Carriere: Approfondimenti, News e Tendenze dal Mondo del Lavoro


 
Resta Aggiornato!!!
Iscriviti al Blog per ricevere News e Approfondimenti dal Mondo del Lavoro

Si prega di inserire una Email.
Valore non valido
Image

POTREBBE INTERESSARTI


La comunicazione con il dott. Google

La comunicazione con il dott. Google

Già dal 14esimo Rapporto sulla comunicazione del Censis (2018), che dal 2001 monitora i consumi dei media analizzando i cambiamenti nella dieta mediatica degli italiani e la loro ricaduta sulla vita del Paese, appare in piena evidenza la rivoluzione indotta in tutta la filiera dei media, e non solo dai processi di disintermediazione digitale, tanto che si arriva a parlare di "mutazione antropologica".

Dai dati emerge che cresce la diffusione dei media digitali e il numero degli utenti social: l’uso di internet e degli smartphone interessa rispettivamente il 78,4% e il 73,8% degli italiani; gli utenti dei social network salgono al 72,5% della popolazione, con più della metà degli italiani che sceglie Facebook (56%) e YouTube (51,8%).

E questo ha di conseguenza determinato anche una rivoluzione digitale nell’area della salute e della cura. Le persone desiderano partecipare al proprio percorso di prevenzione, benessere, diagnosi e cura e oltre a cercare informazioni su Google, partecipano a forum di discussione o a comunità di pazienti online elevando tali strumenti a vera e propria cura: a partire da blog terapia, autodiagnosi online, comunità terapeutiche virtuali, ad arrivare a consulti medici online, e app per migliorare la qualità della vita. Pertanto Internet e i social media hanno ampliato enormemente il discorso sociale sulla salute e la malattia e hanno cambiato il rapporto medico paziente. Senza dimenticare che in questo processo di mutazione antropologica le fake news non hanno certo risparmiato il mondo della scienza e della salute e sempre più spesso si assiste a controversie nella sfera pubblica basate su interpretazioni alternative di fatti scientifici. Ma a differenza delle tradizionali controversie scientifiche, queste nascono dal rifiuto di fatti e conoscenze che la comunità scientifica considera in larga maggioranza acquisiti. Diventa quindi importante comprendere non tanto la produzione o circolazione di fake news scientifiche, ma le ragioni della loro accettazione, lo storytelling che ne consente il proliferare e partire dal tema della credulità che naturalmente - e il caso dei vaccini è lì a dimostrarlo, è un fenomeno sociale con il quale è necessario misurarsi.

Per poter affrontare in un nuovo modo la comunicazione occorre più che mai una nuova alleanza terapeutica che vede coinvolti tutti gli attori dell'ecosistema della salute. E non ultimo le aziende farmaceutiche. Da una ricerca Censis del 2019 (Immagine e reputazione delle aziende farmaceutiche) si evidenzia la necessità strategica di implementare l’informazione su diverse tematiche. In primis l’impegno nella ricerca spiegando in modo chiaro e trasparente i meccanismi e le regole della ricerca, e l’importanza del ruolo svolto dalle imprese. E poi allargare la comunicazione su una mission più ampia. Ampliare anche la platea degli interlocutori, considerando tali non più solo medici e istituzioni sanitarie ma dando peso ai cittadini, ai pazienti ed alle loro organizzazioni.

Dott.ssa Enrica Baraldi
(Coordinatrice Scientifica e Docente: Master Pharma Medical Affairs)

Master Pharma Medical Affairs: la Direzione Medica nel Settore Pharma

Ruoli, Responsabilità, Competenze e Comunicazione nella Direzione Medica.


Contatta la Business School
Seguici su: