Master Export Management: Commercio Internazionale e Nuovi Mercati

Export Manager, cosa fa?

Export Manager, cosa fa

Export Manager

Un Export Manager, ovvero il responsabile delle esportazioni, funge da intermediario tra acquirenti stranieri e venditori nazionali. A differenza delle società commerciali che acquistano i prodotti prima di vendere direttamente agli acquirenti stranieri, gli Export Manager trovano acquirenti a livello internazionale per un produttore nazionale che li impiega.

 

Export Manager cosa fa?

Un Export Manager pianifica e coordina la spedizione internazionale di merci. Durante il corso della giornata, lui/lei può negoziare con una varietà di persone, come spedizionieri, agenti e venditori, e ci si aspetta che abbia ottime capacità di servire il cliente e naturalmente nel trattare con essi.

Gli Export Manager sono spesso responsabili della gestione del personale, che spesso include l'assunzione, la formazione e la supervisione del personale del dipartimento internazionale.

Nella loro funzione contabile, gli Export Manager possono tenere traccia delle fatture e preparare i report per accelerare il processo di fatturazione.

Possono anche dover garantire che le spedizioni siano conformi alle leggi e ai regolamenti che regolano il settore delle esportazioni.

Devono anche negoziare i contratti di esportazione.

 

Export Manager: Requisiti

Mentre non ci sono requisiti specifici per l'ingresso in questa professione, la maggior parte dei datori di lavoro (principalmente nuovi esportatori) richiedono che i candidati abbiano almeno un'istruzione superiore e molti preferiscono un diploma universitario principalmente nel marketing o nell'amministrazione aziendale.

Tuttavia, l'esperienza nel settore può spesso sostituire la mancanza di una laurea.

È anche apprezzata una vasta conoscenza delle lingue (spagnolo, francese, tedesco e cinese).

 

Lavorare come Export Manager

L’Export Management richiede capacità di comunicazione meticolose, in quanto l’Export Manager deve gestire direttamente i clienti di origine straniera e nazionale. In poche parole, colmano il divario tra venditori nazionali e compratori stranieri e sono quindi necessari per essere competenti nelle leggi sull'esportazione del paese in cui risiedono e nei paesi in cui vendono le loro esportazioni.

 

Il Lavoro di Export Manager

Il lavoro di un Export Manager, distinto da quello di un operatore commerciale all'esportazione, comprende la ricerca di clienti stranieri a cui i produttori nazionali di beni venderanno i loro prodotti. Si tratta di un processo graduale, in cui è innanzitutto necessario acquisire le conoscenze necessarie acquistando merci dal venditore del proprio paese. Successivamente, vendendo i beni acquistati all'acquirente di un altro paese o paesi. Come collegamento tra due parti, tra il venditore e l'acquirente, all’Export Manager viene affidato il compito di coordinare ciascuno di essi.

Oltre a gestire i propri clienti, ci si aspetta che l’Export Manager gestisca anche il processo di assunzione, come assumere personale di livello junior, addestrarli e persino supervisionarli. Un Export Manager può anche fare la parte del tracciamento nel business, dove è spesso è il responsabile per le ricevute commerciali o fatture e la conseguente analisi dei dati e della preparazione di grafici per completare il processo di fatturazione.

 

Affrontare i Costi di viaggioExport Manager Costo Viaggi Intercontinentali

Le spese di viaggio sono voli, hotel, taxi e pasti. E dal momento che l’Export Manager deve ottimizzare anche i tempi di viaggio e mantenere la sua flessibilità, la maggior parte delle opzioni non sono le più economiche.

Per i viaggi aerei, una grande differenza è se viaggiare in business class o economica. La maggior parte delle aziende ha una politica che se il tuo volo è più lungo di 6 o 8 ore, è consentito viaggiare in business class. Per i voli regionali più brevi viene scelta la classe economica. Ad incidere, inoltre, è anche il livello di anzianità e se c’è la necessità di lavorare direttamente il giorno successivo.

Se l’azienda ha un Export Manager efficace, viaggerà almeno 6 volte all'anno in una delle regioni di cui è responsabile e farà anche un certo numero di voli regionali. Se il volo è intercontinentale, la durata del viaggio potrebbe facilmente raggiungere le due settimane.

 

Ecco una stima dei costi tipici di un ipotetico viaggio intercontinentale:

  • Tariffe intercontinentali per la classe business per un modesto valore di 2.400€;
  • Voli locali per 400€ a viaggio;
  • I costi dell'hotel per 10 notti a viaggio per soli 120€. Anche nei paesi "economici" è possibile incorrere in prezzi elevati per gli hotel, specialmente se si intende incontrare una possibile clientela in loco;
  • Un giorno di viaggio del valore di 100€ per taxi, cibo, bevande e altre spese.

 

Leggi anche:

Export Manager, Stipendio >>>

 

Contatta la Business School
Seguici su:

Questo sito usa cookie, anche di terzi, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Procedendo con la navigazione accetti l'uso di tali cookie. Leggi Cookie Policy.