Smart Working (Lavoro Agile): ecco le istruzioni INAIL

Smart Working: ecco le istruzioni INAIL

Lavoro agile o Smart Working: gli obblighi assicurativi e le tutele. Comunicazione degli accordi stipulati dal 15.11.2017. Circolare INAIL N. 48 del 2.11.2017

 

È stata pubblicata lo scorso 2 novembre la Circolare INAIL n. 48 del 2 novembre 2017 in tema di lavoro agile cd."smart working".

L'istituto fornisce così le prime istruzioni sulla Legge 22 maggio 2017, n. 81, articoli 18-2, che ha disciplinato la modalità di lavoro flessibile effettuato fuori dall'azienda con tempi, modalità e mezzi personalizzati e concordati per iscritto tra datore di lavoro e lavoratore.

 

Cos'è lo smart working o lavoro agile?

Il cosiddetto "lavoro agile", si ricorda, è una modalità flessibile di esecuzione del rapporto di lavoro subordinato. La prestazione di lavoro agile dovrà essere eseguita in parte nei locali aziendali e in parte in altro luogo, ma devono essere definiti orario di lavoro giornaliero e settimanale. Al lavoratore è consentito usare strumenti informatici e tecnologie aziendali che vengono forniti dal datore, il quale ne garantisce anche il buon funzionamento.

 

Diventa un Esperto Consulente del Lavoro con il Master della Business School
"Amministrazione del Personale e Consulenza del Lavoro" >>>

 

Tariffe e obbligo assicurativo

La circolare illustra gli obblighi assicurativi e classificazione tariffaria, retribuzione imponibile, tutela assicurativa, tutela della salute e sicurezza dei lavoratori che lavorano in modalità agile.

Va verificato innanzitutto se i lavoratori in questione sono esposti alle fonti di rischio previste dalla normativa. In quel caso i lavoratori devono essere assicurati nella stessa forma dei lavoratori impiegati con le stesse mansioni all'interno dell'azienda, e la tariffa applicabile è la stessa.

In caso di infortunio:

  • Se l'evento avviene durante l'attività lavorativa all’esterno dell'azienda e nel luogo prescelto dal lavoratore stesso, il lavoratore è tutelato solo se la causa e connessa con la prestazione lavorativa;
  • Se l'infortunio si verifica "in itinere" durante il normale percorso di andata e ritorno dal luogo di abitazione a quello prescelto per lo svolgimento della prestazione lavorativa all’esterno dei locali aziendali, sono tutelati purché sussistano esigenze legate alla prestazione o alla necessità di conciliazione vita-lavoro e gli spostamenti rispondano a criteri di ragionevolezza.  

La circolare sottolinea che il datore di lavoro nella denuncia di infortunio non è tenuto a evidenziare all'Inail se il personale dipendente, già assicurato, lavori in modalità tradizionale o invece in modalità agile, sempre che il fatto non comporti una diversa esposizione al rischio. In quest'ultima evenienza, anche se lavoratore “agile” è tutelato non solo per gli infortuni collegati al rischio proprio della sua attività lavorativa, ma anche per quelli connessi alle «attività prodromiche e/o accessorie», collegate alle sue mansioni, ai fini del riconoscimento delle prestazioni INAIL farà fede il testo dell'accordo stipulato e, in assenza, l'Inail dovrà effettuare specifici accertamenti per verificare la connessione tra evento e attività lavorativa.

Resta ovviamente sempre escluso il cosiddetto rischio elettivo, ossia l’infortunio determinato da un comportamento doloso adottato dal lavoratore.

 

Lavoro agile: modello disponibile dal 15 novembre

Infine l'istituto informa che dal 15 novembre 2017 sarà disponibile online sul sito del Ministero del Lavoro un modello di comunicazione ad uso dei datori di lavoro degli accordi di lavoro agile sottoscritti con i lavoratori. Per l'accesso sarà necessario munirsi delle credenziali SPID Sistema Pubblico di Identità Digitale (le credenziali che permettono di accedere a tutti i servizi online della Pubblica Amministrazione con un'unica Identità Digitale costituita da username e password). I consulenti del lavoro potranno invece utilizzare le loro credenziali.


Sulla base delle informazioni raccolte l'INAIL effettuerà un monitoraggio sulla diffusione del lavoro agile e sulle ripercussioni sul piano assicurativo ai fini di un eventuale aggiornamento dei rischi.

 

Potrebbe interessarti anche:

Il Mondo del Lavoro che Cambia: lo Smart Working è già Realtà

Dallo Smart Working al Social Recruitment, l’analisi di Hays sull’Andamento del Mercato del Lavoro in Italia per il 2017

 

 

 

Iscriviti alla Newsletter

Si prega di digitare Nome e Cognome.
Si prega di inserire una Email.
Acconsento

Questo sito usa cookie, anche di terzi, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Procedendo con la navigazione accetti l'uso di tali cookie. Cookie Policy.