Resta Aggiornato!!!
Iscriviti al Blog per ricevere News e Approfondimenti dal Mondo del Lavoro

Si prega di inserire una Email.
Valore non valido
Image

POTREBBE INTERESSARTI


Mercato farmaceutico delle sostanze chimiche fini, prevista crescita del 28% in cinque anni

Mercato farmaceutico delle sostanze chimiche fini, prevista crescita del 28% in cinque anni

Uno studio condiviso da Analitical Research Cognizance prevede che entro il 2025 il valore delle fine chemicals, nel mondo, passi da 106380 a 136500 milioni di dollari

 

Il mercato dei farmaci è uno dei settori sui quali puntare per la crescita dei singoli Paesi, in cui le industrie, di ogni dimensione, potrebbero conoscere un consistente sviluppo negli anni a venire. Lo dimostrano diverse analisi di mercato, studi sull’economia dei singoli Stati, ma anche quelli riguardanti il contesto globale delle transazioni commerciali su vasta scala.

Non è esente da questa crescita anche il mercato farmaceutico delle cosiddette sostanze chimiche fini. Che cosa si intende con questo termine? L’espressione anglofona ‘fine chemicals’ descrive singole sostanze chimiche che vengono prodotte in piccoli quantitativi, e che possono prendere parte alla formulazione delle specialità chimiche.

La dimensione globale del commercio dei prodotti farmaceutici pregiati dovrebbe ottenere una crescita del 28% nei prossimi cinque anni in termini di valore complessivo. Uno studio condiviso da Analitical Research Cognizance, infatti, prevede che dal 2020 al 2025 il mercato dovrebbe raggiungere un valore di 136500 milioni di dollari.

I risvolti positivi di questo boom, come è facile da immaginare, sono molteplici. Un incremento delle transazioni commerciali, della produzione e dell’importanza, dal punto di vista economico, del prodotto, giova al settore in maniera lampante.

L’esempio più chiaro di applicazione concreta della chimica fine è quello dei principi attivi dei farmaci, che sono, per l’appunto, fine chemicals. Un aspetto tutt’altro che irrilevante a chi lavora in questo settore, ma che non deve sfuggire neanche a chi, invece, ha una prospettiva ‘esterna’ su questo ambito: basti considerare che, sebbene in Italia questi non siano ancora utilizzati dalla maggioranza della popolazione, i farmaci generici si distinguono dai farmaci di marca proprio per la presenza del medesimo principio attivo.

 

Hai mai pensato di fare Carriera nel Settore Farmaceutico?

Master Management e Marketing dell'Industria Farmaceutica

 

 


Contatta la Business School
Seguici su:

Seguici su:

Questo sito usa cookie, anche di terzi, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Procedendo con la navigazione accetti l'uso di tali cookie. Leggi Cookie Policy.