Digitalizzazione, dal lockdown l’Italia ha fatto un salto in avanti di quasi 10 anni

Digitalizzazione

La nuova ‘dieta’ degli italiani è a base di digitalizzazione. Il lockdown ha spinto in tante direzioni, ma in particolar modo in una: verso quella dell’utilizzo sempre più frequente di device digitali, ormai pregnanti nelle nostre vite.

Nelle fasi più acute della pandemia l’Italia ha fatto un salto in avanti di quasi 10 anni nella trasformazione digitale: sono state, appunto, le misure restrittive a portare i cittadini del nostro Paese ad avanzare in tal senso.

L’utilizzo dei device è quintuplicato in 13 anni e il 55% popolazione italiana (fascia 18-79) ha un’identità digitale attiva. È quanto emerge dal rapporto “La digital life degli italiani” realizzato dall’istituto di ricerca socio-economica Censis in collaborazione con Lenovo.

Pietro Parodi, responsabile della comunicazione dell’azienda, ha spiegato come “nel periodo della pandemia le persone si sono rivolte al digitale per dare continuità alla propria vita, sotto vari aspetti. Pensiamo al lavoro, alla scuola, agli acquisti digitali e persino alle consulenze mediche”.

Accelerazione digitale, nell’utilizzo come nelle tecnologie: “In venti o trent’anni i pc diventeranno veri e propri hub di comunicazione delle nostre case, a noi il compito di rendere sempre migliori, quindi, gli strumenti che saranno a tutti gli effetti parte della digital life futura degli italiani”. L’obiettivo è un modo digitale e sempre più inclusivo, a dispetto di ciò che si è pensato fino ad ora della digitalizzazione, spesso incolpata di dividere le persone, invece di unirle.

“Dall’indagine è emerso che i dispositivi digitali migliorano la vita delle persone – ha spiegato inoltre Massimiliano Valerii, direttore generale del Censis – e l’85,3% dei cittadini spera che in un prossimo futuro si possa dialogare via email con gli uffici pubblici, l’85% che si possano richiedere documenti e certificati online, l’83,2% di poter pagare online in modo semplice e veloce tasse, bollettini e multe”

 

Scopri i Master e Corsi che potrebbero Interessarti

Image

Iscriviti alla
Newsletter

Si prega di inserire una Email.
Si prega di inserire una Email.

Risorse Alma Laboris

Opportunità

Press Area