Formazione e Carriere: Approfondimenti, News e Tendenze dal Mondo del Lavoro


 
Resta Aggiornato!!!
Iscriviti al Blog per ricevere News e Approfondimenti dal Mondo del Lavoro

Si prega di inserire una Email.
Valore non valido
Image

POTREBBE INTERESSARTI


Made in Italy, ripresa ‘patriottica’: l’82% sceglie prodotti agroalimentari tricolore

Made in Italy, ripresa ‘patriottica’: l’82% sceglie prodotti agroalimentari tricolore

L’ultimo rapporto della Coldiretti afferma che in seguito all’emergenza sanitaria è aumentato il numero di persone che cercano di acquistare articoli del nostro Paese, affermando l’italianità come fattore importante di richiamo nelle vendite

 

Il tricolore a tavola, prima di tutto. Sembra essere questo il mantra che ha animato gli acquisti dei consumatori italiani nel mese di maggio. Come annuncia l’indagine Coldiretti/Ixe’, più di 8 cittadini su 10, all’emergenza sanitaria che stiamo vivendo, ha reagito, dal punto di vista del commercio, comprando per lo più prodotti italiani.

I dati, divulgati in occasione della diffusione dei dati Istat sul commercio al dettaglio, evidenziano un aumento del 24,3% rispetto al mese di aprile. La fotografia è quella di un andamento, come sottolinea Coldiretti, caratterizzato dalla scoperta (e riscoperta) di un valore come quello dell’italianità, un fattore importante di richiamo nelle vendite dei prodotti. Come dimostra il fatto che l’82% degli italiani, nel mese di maggio, ha scelto prodotti nostrani.

Tanto da portare Coldiretti a definire la ripresa come ‘patriottica’, un segno di sostegno all’economia del territorio nazionale, una svolta che denota una maggiore attenzione all’origine dei prodotti che gli italiani mettono nel carrello, probabilmente determinata da una consapevolezza di fondo rispetto alle difficoltà del momento.

A trainare questa tendenza i primati conquistati dal Made in Italy nel mondo per qualità e sicurezza: l’agroalimentare italiano, infatti, è il più green d’Europa con 303 indicazioni geografiche riconosciute a livello comunitario e 415 vini Doc/Docg. E il via libera dell’Unione Europea sull’obbligo dell’etichetta Made in Italy su insaccati, che troppo spesso, da stranieri, vengono spacciati per italiani, potrebbe essere significativo in tal senso.

 

Ti piacerebbe specializzarti ed entrare nel Settore Import / Export?

Master e Carriere in Export Management e Commercio Internazionale (in Aula oppure Online).

 


Contatta la Business School
Seguici su:

Questo sito usa cookie, anche di terzi, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Procedendo con la navigazione accetti l'uso di tali cookie. Leggi Cookie Policy.