Blog Lavoro

Formazione e Carriere: Approfondimenti, News e Tendenze dal Mondo del Lavoro

Si prega di digitare Nome e Cognome.

Si prega di inserire una Email.


Blog Lavoro - Archivio

Giappone-Ue: Free Trade in dirittura d’arrivo

Al gala annuale della Camera di Commercio Italiana in Giappone si respirava quest'anno una atmosfera di ottimismo sulle prospettive delle attività di business in Giappone, in vista della prossima entrata in vigore dell'accordo di partnership economica (Epa) tra Unione Europea e Giappone che abbatterà i dazi e semplificherà le procedure burocratiche.

 

La Dieta, l'organo legislativo del Giappone, ha ratificato il nuovo trattato di libero scambio con l'Europa l'8 dicembre: se il Parlamento europeo riuscirà a ratificarlo entro fine anno, l'accordo potrebbe entrare in vigore a inizio febbraio. La Camera di Commercio italiana in Giappone, d'intesa con altre istituzioni italiane, si mette a disposizione per fare opera di informazione concreta sui vantaggi offerti dall'Epa alle imprese. Alcuni imprenditori avvertono comunque di non attendersi miracoli, in quanto l'abbattimento dei dazi sarà graduale in vari settori. Per quanto riguarda il vino, però, le tariffe saranno azzerate da subito, eliminando lo svantaggio competitivo nei confronti dei produttori di alcuni Paesi che da tempo usufruiscono di agevolazioni tariffarie.

 

Accordo Ue-Giappone positivo per l’export

L’accordo di libero scambio tra l’Unione Europea e il Giappone, denominato Japan-EU Free Trade Agreement-Jefta, è positivo per l’export agroalimentare. Per questo il coordinamento di Agrinsieme, che riunisce Cia-Agricoltori italiani, Confagricoltura, Copagri e Alleanza delle Cooperative Agroalimentari, auspica un voto favorevole da parte della plenaria del Parlamento Europeo, dopo l’ok a larga maggioranza della Commissione Commercio Internazionale. 

“Grazie a questo accordo, siglato a luglio dal premier giapponese Shinzo Abe, dal presidente del Consiglio Ue Donald Tusk e dal presidente della Commissione europea Jean-Claude Junker, le esportazioni agroalimentari comunitarie verso il Paese del Sol levante potrebbero, infatti, aumentare sensibilmente per i cibi trasformati”, fa notare il coordinamento, ricordando che questa intesa bilaterale, a differenza del Ceta, non dovrà essere ratificata dai Parlamenti degli Stati Membri, ma solo dal Parlamento Europeo e dalla Dieta nazionale. 

“Per dimensione economica, si tratta del più grande accordo commerciale della UE, che consentirà l’eliminazione dei dazi sull’85% dei prodotti agroalimentari comunitari destinati al mercato nipponico, tra i quali figurano vino, formaggi, carni suine, pasta, dolci e prodotti a base di pomodoro”, aggiunge Agrinsieme.

“Il Giappone è il quarto mercato in ordine di grandezza per le esportazioni agricole comunitarie, che hanno un valore venti volte superiore a quello delle esportazioni nipponiche nell'UE. Il Paese si presenta come un mercato ricco, caratterizzato da consumatori molto esigenti, continuamente alla ricerca di prodotti di nicchia e di assoluta qualità, oltre che molto interessati all’eccellenza del Made in Italy agroalimentare”, osserva ancora il coordinamento.

“Il Giappone, inoltre, è il sesto maggior partner commerciale dell'Italia al di fuori dell'Unione Europea, con un surplus commerciale di 2,4 miliardi di euro; lo “stivale”, infatti, a fronte di importazioni per 4,2 miliardi, esporta verso il Paese del Sol levante beni per circa 6,6 miliardi di euro, cifra che secondo l’esecutivo comunitario potrebbe addirittura raddoppiare grazie all’accordo di partenariato”, conclude Agrinsieme, che torna così a rinnovare il sostegno ad accordi di libero scambio fondati su regole chiare e favorite da oggettive potenzialità per il mercato agroalimentare italiano. 

Agrinsieme è costituita dalle organizzazioni professionali Cia-Agricoltori Italiani, Confagricoltura, Copagri e dalle centrali cooperative Confcooperative FedAgriPesca, Legacoop Agroalimentare e Agci Agrital, a loro volta riunite nella sigla Alleanza Cooperative Italiane - Settore Agroalimentare. Il coordinamento Agrinsieme rappresenta oltre i due terzi delle aziende agricole italiane, il 60% del valore della produzione agricola e della superficie nazionale coltivata, oltre 800mila persone occupate nelle imprese rappresentate.

 

 


Blog Lavoro - Archivio

Oltre la Didattica

17 Giu 2019 12:38 - Alma Laboris - Docente: Domenico del Sorbo

Come abbiamo già visto nel precedente lavoro, l’art. 2 UCP 600 ICC indica che “Presentazione Conforme” [ ... ]

17 Giu 2019 12:38 - Alma Laboris - Docente: Domenico del Sorbo

Come abbiamo già visto nel precedente lavoro, l’art. 2 UCP 600 ICC indica che “Presentazione Conforme” [ ... ]

17 Giu 2019 12:38 - Alma Laboris - Docente: Domenico del Sorbo

Come abbiamo già visto nel precedente lavoro, l’art. 2 UCP 600 ICC indica che “Presentazione Conforme” [ ... ]

Contatta la Business School
Seguici su:

Questo sito usa cookie, anche di terzi, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Procedendo con la navigazione accetti l'uso di tali cookie. Leggi Cookie Policy.