Genitori che lavorano

Genitori che lavorano, quali benefit per migliorare il loro lavoro?

I genitori che lavorano sono molto più suscettibili allo stress e al burnout rispetto alle loro controparti senza figli.

Sono alcune recenti ricerche ad affermarlo: la difficoltà di bilanciare genitorialità e lavoro, sia per le donne che per gli uomini, è in diversi casi un reale problema.

Non solo per il dipendente: con i genitori che lavorano che costituiscono gran parte della forza lavoro, le organizzazioni che non riescono a offrire i vantaggi di cui i genitori hanno bisogno dovranno affrontare tassi più elevati di burnout e turnover e faranno fatica a reclutare e trattenere i migliori talenti. Quali benefit per riuscire nello scopo?

Aiutare i genitori lavoratori è possibile con alcuni espedienti che più che ‘extra’ si rivelano veri e propri accorgimenti. Il primo è quello di garantire orari di lavoro flessibili e la possibilità di lavorare da casa secondo necessità. I datori di lavoro devono comprendere le esigenze dei genitori che lavorano portando loro un vantaggio, quello di poter avere maggiore possibilità di scelta sull’orario e sul luogo di lavoro.

Inoltre, le migliori organizzazioni offrono sempre più sussidi per l'assistenza ai genitori che lavorano: un bonus che può essere economico, con un’aggiunta allo stipendio, ma anche dal punto di vista di fringe benefit come asili nido e strutture di ‘supporto’, o una tata, che dà loro la certezza che avranno una copertura per l'assistenza ai bambini in momenti in cui non possono essere presenti.

 

Image
Image
Image

Image

POTREBBE INTERESSARTI


Cookie Privacy

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.