Social recruiter, cos'è la nuova declinazione della figura professionale

I social network stanno assumendo un peso sempre più evidente e marcato nel mondo delle risorse umane. Negli ultimi anni abbiamo assistito a una costante emergenza di nuove figure professionali, e non possiamo negare come le piattaforme di social media abbiano avuto una certa importanza in tal senso.

È proprio dalla commistione tra social network e mondo HR che prende forma il ruolo del social recruiter, che rappresenta una moderna declinazione di quella che è la figura del recruiter, alla cui attività professionale quotidiana vengono applicate le logiche dei social. Social Recruiter

Cos’è il social recruiter, e cosa fa nel suo lavoro

Per comprendere al meglio il social media recruiting, e nello specifico il ruolo del social recruiter, occorre fare una precisazione: nel mondo del lavoro di oggi, non troveremo, molto spesso, la figura professionale del social recruiter, poiché nella maggior parte dei casi le aziende che popolano il contesto attuale cercano di incorporare in organico dei recruiter che abbiano delle conoscenze approfondite sul mondo dei social e delle competenze spiccate per svolgere le mansioni legate a quest’ultimo.

Dunque, il ruolo del social recruiter è da intendersi come una moderna declinazione della figura professionale del recruiter. Tuttavia, le più grandi aziende potrebbero decidere di annoverare all’interno del proprio ufficio risorse umane un social recruiter, per dare maggiore specificità alle mansioni svolte dal professionista, e per avere in organico una risorsa che svolge le sue attività prevalentemente attraverso l’uso dei social network.

In sintesi, parliamo più di una tendenza che la gestione delle risorse umane sta ormai intraprendendo da alcuni anni e che potrebbe segnare una nuova epoca per quanto riguarda la distribuzione dei compiti da affidare ai professionisti. Per ora, possiamo affermare con convinzione che il social recruiter svolge le stesse mansioni del recruiter, ma appunto utilizza in modo preponderante le piattaforme di social networking.

Come diventare recruiter con un Master HR che comprenda lo studio dei social

Un settore, quello delle risorse umane, che è dunque in costante aggiornamento. Conoscere le ultime tendenze che riguardano il mondo HR è una priorità per chi opera in questo ambito, e per chi cerca un inserimento occupazionale in tale campo. Aggiornare le proprie conoscenze è sicuramente il modo migliore per eccellere nel contesto attuale, e per vincere la concorrenza delle altre risorse per quanto riguarda la soddisfazione dell’offerta di lavoro.

Il Master in Gestione, Sviluppo e Amministrazione delle Risorse Umane di Alma Laboris Business School dedica ampio spazio allo studio dei social network, e delle loro tipiche dinamiche, applicate alle human resources. Una sezione appositamente pensata allo scopo è stata ritagliata dalla Faculty Docenti del Master all’interno del programma didattico, al fine di dedicare la giusta attenzione alla nuova figura del social recruiter.

Il percorso di Alta Formazione viene impreziosito dal Servizio Placement gratuito, dedicato allo Sviluppo di Carriera del Partecipante, mediante attività di carattere individuale finalizzate all’inserimento nel mondo del lavoro e alla riqualificazione professionale del discente.

 

Image
Image
Image

Si prega di digitare Nome e Cognome.
Si prega di inserire una Email.
Questo campo è Obbligatorio
Image

POTREBBE INTERESSARTI


Questo sito usa cookie, anche di terzi, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Procedendo con la navigazione accetti l'uso di tali cookie. Leggi Cookie Policy.