Il ruolo del biostatistico nelle sperimentazioni cliniche

La partecipazione dello statistico o biostatistico sin dalle fasi più precoci di uno studio clinico – come ad esempio quelle del disegno dello stesso – è una prassi oggi sempre più diffusa. Invece, fino a non molti anni fa la statistica veniva interpellata solo dopo la conclusione della sperimentazione, con effetti spesso negativi.

 

Oggi non è eticamente e scientificamente accettabile sottoporre i pazienti a terapie, esami e trattamenti non necessari o il cui utilizzo non sia razionale.

 

Il ruolo del biostatistico

Alla luce di queste riflessioni, il ruolo del biostatistico diventa indispensabile per gestire e tradurre tutte i dati che provengono da una ricerca clinica. È una figura molto importante in qualsiasi studio clinico, dal disegno all’esecuzione, dall’analisi alla documentazione, per il controllo e la riduzione delle distorsioni e dei fattori confondenti e per il calcolo degli errori casuali. Per comprendere i metodi e i risultati degli studi clinici randomizzati, è fondamentale una padronanza dei metodi statistici.

Ad oggi, chiunque può eseguire indagini complesse grazie allo sviluppo di software statistici sempre più potenti ma è necessaria la consapevolezza degli obiettivi dello studio e del metodo più corretto da utilizzare per generare dei dati e capirne la significatività o meno.

Quindi compito dello sponsor, e di tutti gli altri attori coinvolti nella sperimentazione è quello di attivare specifiche procedure per assicurare che i principi statistici siano implementati correttamente.

Uno statistico clinico quindi, deve avere una combinazione di formazione ed esperienza sufficienti per applicare tali principi nel modo corretto e la responsabilità del risultato statistico della sperimentazione.

I principi di un appropriato disegno statistico riguardo un’indagine clinica sono finalizzati a ridurre al minimo fonti di bias (distorsione o scostamento) conosciute o sospette che potrebbero compromettere la capacità di trarre conclusioni valide, ma allo stesso tempo a massimizzarne la precisione.

La pianificazione responsabile di una sperimentazione clinica dovrebbe avvenire in sinergia tra il medico sperimentatore e il biostatistico, poiché il primo contribuisce al razionale della ricerca, fornendo il giusto background sulla tipologia dello studio, con definizione degli obiettivi primari e/o secondari, mentre il secondo deve essere in grado di trasformare i dati grezzi provenienti dalla raccolta di informazioni inserite nelle cartelle elettroniche (CRF) in risposte concrete sull’andamento dello studio.

Infatti dal confronto finale tra medico e biostatistico con la presentazione dei risultati nascono nuovi spunti di studio e quindi nuovi obiettivi da raggiungere.

 

 


Si prega di digitare Nome e Cognome.
Si prega di inserire una Email.
Valore non valido
Valore non valido
Image

POTREBBE INTERESSARTI


Questo sito usa cookie, anche di terzi, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Procedendo con la navigazione accetti l'uso di tali cookie. Leggi Cookie Policy.