Giurista d’impresa e albo

Giurista d’impresa e albo: cosa dice la legge, perché differiscono dagli avvocatix

Nel panorama legale italiano, la figura del giurista d'impresa è sempre più rilevante. Tuttavia, una questione che spesso suscita interesse e confusione è l'assenza di un vero e proprio albo professionale dedicato a questa categoria. In questo articolo, esploreremo la posizione del Consiglio Nazionale Forense (CNF) in merito a questa figura professionale e alla sua relazione con l'Albo Forense. Scopriremo perché i giuristi d'impresa non possono iscriversi all'Albo e cosa li differenzia dagli avvocati tradizionali.

Chi sono questi professionisti e cosa fanno nel loro lavoro

I giuristi d'impresa sono professionisti legali con una laurea in giurisprudenza, spesso specializzati nel diritto imprenditoriale. La loro principale responsabilità è fornire consulenza legale all'interno delle aziende per proteggere gli interessi legali dell'azienda. Tuttavia, la legge professionale forense italiana stabilisce chiaramente che la consulenza legale e l'assistenza stragiudiziale, quando svolte in maniera continuativa, sistematica e organizzata, sono attività riservate agli avvocati.

La differenza fondamentale tra i giuristi d'impresa e gli avvocati tradizionali è l'attività giudiziale. Mentre gli avvocati litigano in tribunale rappresentando i clienti in procedure giudiziarie, i giuristi d'impresa si concentrano esclusivamente sull'assistenza legale fuori dalle aule di giustizia, agendo nell'interesse esclusivo del datore di lavoro o del committente.

Albo per giuristi d’impresa: ad oggi non esiste

La questione chiave è che i giuristi d'impresa non hanno accesso all'Albo Forense italiano. Questo è stato ribadito dal CNF, che ha chiarito che le leggi professionali forensi disciplinano e distinguono le figure professionali in modo diverso. Di conseguenza, i giuristi d'impresa sono incompatibili con l'iscrizione all'Albo Forense e agli elenchi speciali riservati agli avvocati degli enti pubblici.

Gli avvocati che operano alle dipendenze degli enti pubblici sono una categoria a parte. Anche se sono avvocati a tutti gli effetti, sono stabilmente impiegati negli uffici legali interni degli enti pubblici. Questa particolare figura professionale è regolamentata dall'articolo 23 della legge professionale forense, che prevede l'obbligo di iscrizione negli elenchi speciali allegati agli albi. Tuttavia, questa possibilità è eccezionale e non può essere applicata analogicamente ai giuristi d'impresa.

Cookie Privacy

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.