PRINCE2, cos'è questa metodologia e a cosa serve nel project management

Una delle metodologie più in voga nel project management, al giorno d’oggi, è sicuramente PRINCE2, uno standard internazionale per la gestione di progetto ampiamente adottato da persone e organizzazioni di industrie e settori molto diversi tra loro.

Un approccio, questo, basato sui processi, caratterizzato da una certa flessibilità, largamente utilizzato in diversi Paesi del mondo. Vediamo insieme che cos’è questa metodologia, come funziona e a che cosa serve nel project management.

Che cos’è PRINCE2: tutto su questa metodologia del project management

Il metodo PRINCE2 è una metodologia strutturata che appartiene alla disciplina del project management per la corretta gestione di progetto, che ha la particolarità di dividere i progetti in fasi gestibili e controllabili, e che si concentra sull'organizzazione e sul controllo durante l'intero progetto. Prince2

Acronimo di Projects IN Controlled Environments, rappresenta una metodologia riconosciuta dagli esperti del settore, che mira a strutturare e a semplificare il controllo dell'intero processo di lavoro, indipendentemente dal tipo di progetto, dalle sue dimensioni, e dall’azienda/organizzazione per cui viene concepito e realizzato.

La storia di PRINCE2 parte dal 1989, quando è stato istituito per la prima volta dalla Central Computer and Telecommunications Agency. Nel 1996 il grande salto: è da allora che questa metodologia ha trovato il riconoscimento da parte degli addetti ai lavori, con la sua pubblicazione ufficiale.

PRINCE2, a cosa serve e come funziona: il meccanismo alla base

A cosa serve, dunque, utilizzare la metodologia PRINCE2? In una parola, al controllo del progetto, e della sua gestione: organizzando il progetto in fasi logiche, infatti, è possibile tracciare un piano organizzato e controllato prima di iniziare, ma anche uno che riesca a mantenere l’organizzazione del progetto durante le sue fasi intermedie.

Come funziona questa metodologia? Il PRINCE2 è basato su “six aspects and seven principles”, ovvero sei aspetti e sette principi. Mentre i primi, chiamati anche obiettivi di prestazione, quantificano la ‘tolleranza’ del progetto (in alcuni progetti vengono identificati come i KPI), i secondi possono essere descritti come, appunto, i principi che animano la gestione del progetto, la ‘mentalità’ che mantiene il progetto allineato alla metodologia PRINCE2.

Successivamente, ci sono “seven themes and seven processes”, sette temi e altrettanti processi, che delineano il vero e proprio funzionamento della metodologia e la sua applicazione pratica all’interno dei progetti.

 

Master di Alta Formazione in Project Management

Gestire Progetti Predictive, Agile e Hybrid con i Principali Framework Internazionali.


Si prega di digitare Nome e Cognome.
Si prega di inserire una Email.
Questo campo è Obbligatorio
Image

POTREBBE INTERESSARTI


Questo sito usa cookie, anche di terzi, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Procedendo con la navigazione accetti l'uso di tali cookie. Leggi Cookie Policy.