Cosa c’è da sapere sul nuovo algoritmo di Facebook?

0
0
0
s2sdefault

Cosa c’è da sapere sul nuovo algoritmo di Facebook?

L’11 gennaio, Mark Zuckerberg ha annunciato che Facebook avrebbe cambiato l’algoritmo del suo news feed per dare priorità ai contenuti di “amici, famiglia e gruppi”.

 

“Mentre lo mettiamo a punto, vedrete meno contenuti pubblici come post di aziende, brand e media. E i contenuti pubblici che vedrete di più verranno adeguati allo stesso standard – dovranno incoraggiare interazioni significative tra le persone.”

Zuckerberg ha citato “la responsabilità di essere sicuri che i nostri servizi non siano solo divertenti da usare, ma anche utili per il benessere delle persone” come giustificazione per il cambiamento, ammettendo che le aziende dovranno lavorare più duramente che mai per guadagnare l’attenzione degli utenti sulla piattaforma.

 

Diminuzione significativa della reach organica

Mentre i cambiamenti si svilupperanno nei prossimi mesi, i brand probabilmente vedranno una diminuzione significativa nella reach organica. Inoltre, c’è la possibilità che gli utenti passino meno tempo su Facebook, sebbene Zuckerberg speri che quello passato sulla piattaforma possa essere “tempo ben speso”. Ciò significa che il news feed inizierà probabilmente a mostrarti più foto del cane di tuo zio e meno liste di BuzzFeed.

 

Come ottenere il massimo dai social?

Anche se ancora nessuno sa esattamente quale sarà l’impatto dei cambiamenti del news feed, le aziende su Facebook possono usare alcune tecniche per lavorare con il nuovo algoritmo e continuare a raggiungere la loro audience attraverso “interazioni significative”.

 

Postare contenuti coinvolgenti e di qualità che generino commenti

Secondo Zuckerberg, le “interazioni significative” sono commenti, commenti e ancora commenti.

Nel suo annuncio, ha scritto che “Le Pagine i cui post generalmente non ricevono reazioni o commenti da parte degli utenti potrebbero vedere la maggiore diminuzione in termini di reach. Le Pagine i cui post generano più conversazioni tra amici vedranno invece effetti minori.”

Questo significa che i brand dovranno creare contenuti di qualità sviluppati proprio per dare inizio a conversazioni tra gli utenti. Prova a includere domande nei tuoi post o a scrivere riguardo argomenti rilevanti e attuali su cui gli utenti hanno sicuramente un’opinione.

In sintesi, la probabilità che gli utenti vedano i tuoi post sarà più alta se i loro amici e familiari li staranno commentando.

 

La trappola dell’Engagement Bait

Potresti essere tentato di provare ad aggirare il nuovo algoritmo chiedendo al tuo pubblico cose come “Commenta questo post se ti piace il gelato!” o “Tagga qualcuno a cui piacerebbe questo video”. Ma non essere quel tipo di brand! Non è altro che spam e non piace agli utenti.

In più, ricorda cosa dice al riguardo proprio Facebook:

“Utilizzare l’Engagement Bait per provocare i commenti degli utenti sui post non rappresenta un’interazione significativa, e continueremo a penalizzare questi contenuti nel News Feed”.

 

Incoraggiare i clienti a seguire la Pagina Facebook

Una cosa che non è cambiata riguardo il News Feed di Facebook è la possibilità da parte degli utenti di essere sicuri di vedere sempre i post delle loro Pagine preferite selezionando “Mostra per primi” nelle preferenze del loro News Feed.

Ciò significa che i brand non hanno alcun motivo di esitare nel chiedere ai clienti di seguire la loro Pagina Facebook. Anzi, perché non ricordare ai follower fidelizzati l’opzione “Mostra per primi”?

Aumentare il budget pubblicitario

La reach organica è in costante declino da anni sui social media. Ad ogni modo, ora che Facebook sta ridefinendo la priorità dei contenuti di brand ed editori, le capacità di Esperto in Digital Marketing sono più importanti che mai. Le aziende devono sapere come raggiungere la giusta audience per essere sicure che gli euro spesi in advertising abbiano senso.

 

Pubblicare più video Live su Facebook

I video sono ancora i contenuti preferiti dal nuovo algoritmo, ma i video Live saranno ancora più importanti. Nel suo annuncio, Zuckerberg ha scritto che “i video live spesso portano a conversazioni tra gli spettatori su Facebook – infatti i live ricevono una media di interazioni pari a sei volte quella dei video standard”.

Ciò significa che, se non hai ancora investito tempo ed energie nel postare video Live su Facebook, ora dovrai dare il 100% in questo campo. Stanno alle dichiarazioni di Zuckerberg, quindi, i live sono uno degli esempi concreti di contenuti che avranno prestazioni migliori con il nuovo algoritmo. Si tratta quindi di qualcosa a tutti dovremmo prestare molta attenzione.

 

Investire tempo nei Gruppi di Facebook

Dal momento che i Gruppi di Facebook si basano sull’engagement del pubblico, continuare ad utilizzarli in ottica di marketing probabilmente continuerà ad essere una strategia vincente anche con il nuovo algoritmo. Le aziende dovrebbero pensare a nuovi modi per interagire con i clienti attraverso i Gruppi, oltre a investire in social ads per la loro Pagina.

 

Fonte: Hootsuite


Iscriviti alla Newsletter

Si prega di digitare Nome e Cognome.
Si prega di inserire una Email.
Acconsento

Questo sito usa cookie, anche di terzi, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Procedendo con la navigazione accetti l'uso di tali cookie. Leggi Cookie Policy.