Blog Lavoro

Formazione e Carriere: Approfondimenti, News e Tendenze dal Mondo del Lavoro

Si prega di digitare Nome e Cognome.

Si prega di inserire una Email.


Blog Lavoro - Archivio

Quali conseguenze e rischi sui dazi statunitensi per acciaio e alluminio

Il presidente Trump sostiene che le tariffe sono necessarie per proteggere la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, ma molti esperti sostengono che le misure potrebbero ritorcersi contro.

 

Introduzione

Nel marzo 2018, il presidente Donald J. Trump ha annunciato che applicherà tariffe generali, o tasse di importazione, su acciaio e alluminio. Trump sostiene che le misure sono necessarie per proteggere la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, che sostiene sia stata degradata dal declino delle industrie nazionali dell'acciaio e dell'alluminio.

Molti economisti, tuttavia, affermano che le esperienze precedenti mostrano che tali dazi probabilmente non riusciranno a rivitalizzare i produttori nazionali mentre impongono costi sul resto dell'economia. Nel frattempo, gli esperti del commercio temono che le tariffe, il 25% sull'acciaio e il 10% sull'alluminio, possano scatenare una battaglia commerciale che potrebbe intrappolare alcuni vicini alleati degli Stati Uniti, come il Canada, e minare il sistema commerciale globale.

 

Perché Trump sta prendendo queste azioni adesso?

Proteggere l'industria americana, in particolare l'acciaio, è stato il fulcro della campagna di Trump del 2016. "Sarà l'acciaio americano a fortificare i ponti fatiscenti dell'America", ha detto sul moncherino. L'occupazione nel settore dell’acciaio è passata da circa 650.000 lavoratori negli anni '50 a circa 140.000 oggi, con molti delle fabbriche chiuse in stati altalenanti come la Pennsylvania.

Molti produttori di acciaio e alluminio in tutto il mondo hanno a lungo accusato il governo cinese di sovvenzionare la produzione di metalli in violazione delle regole del commercio globale, che molti analisti affermano abbia invaso il mercato globale con prodotti a basso costo e provocato un crollo dei prezzi. I produttori statunitensi hanno chiesto a gran voce la protezione da tale "dumping" tramite tariffe o dazi, che le precedenti amministrazioni hanno fornito in casi limitati.

Le tariffe pianificate di Trump, tuttavia, sono potenzialmente molto più ampie. Il presidente ha l'autorità di applicarli sotto una sicurezza nazionale, piuttosto che razionalmente basati sullo stato dell’economica, basata su una legge commerciale poco usata del 1962. Nell'aprile 2017, il dipartimento del commercio ha avviato un'indagine per verificare se le importazioni di acciaio e alluminio "compromettessero la sicurezza nazionale". Si è concluso all'inizio del 2018 che l'hanno fatto. Questo ha aperto la porta a Trump per applicare le tariffe come meglio crede. L'annuncio di Trump arrivò poco più di un mese dopo che applicò tariffe elevate sui pannelli solari e sulle importazioni di lavatrici per proteggere i produttori nazionali.

 

Come potrebbero influire i dazi sull'industria degli Stati Uniti?

Molti grandi produttori di acciaio e alluminio hanno ravvivato le tariffe. L'American Iron and Steel Institute ha ringraziato Trump per aver "affrontato la crisi dell'acciaio" e il secondo produttore americano di alluminio, Century Aluminium, ha detto che le misure li spingeranno ad aumentare gli investimenti interni.
Tuttavia, la maggior parte degli economisti afferma che è improbabile che le tariffe aiutino i produttori statunitensi. Sottolineano i precedenti tentativi di proteggere l'industria siderurgica che non sono riusciti ad arrestare il declino del settore, e affermano che l'innovazione nel settore, non le importazioni, sono da attribuire principalmente alla perdita di posti di lavoro. Il calo della domanda di acciaio è un altro fattore importante, con il consumo negli Stati Uniti che è quasi dimezzato rispetto agli anni '70.

Gli economisti avvertono anche che i dazi, che aumenteranno il costo dell'acciaio e dell'alluminio, danneggeranno le molte industrie che usano quei metalli, che costano posti di lavoro e aumentano i prezzi per i consumatori. Ciò potrebbe includere case automobilistiche, produttori di aeromobili, aziende della birra e della soda, l'industria energetica e il settore delle costruzioni. Insieme, queste industrie impiegano molte più persone rispetto ai produttori di acciaio e alluminio. I gruppi di produzione hanno detto che le misure di Trump costeranno migliaia di posti di lavoro.

Importazioni USA di Acciaio nel 2017

 

In che modo le proposte di Trump differiscono da quelle precedenti?

Un certo numero di presidenti precedenti ha imposto tariffe o altre barriere commerciali per proteggere l'industria degli Stati Uniti dalle importazioni straniere a basso costo. I presidenti Lyndon B. Johnson, Richard M. Nixon, Jimmy Carter e Ronald Reagan applicarono i limiti delle importazioni o dei prezzi sull'acciaio. Studi economici hanno concluso che queste misure hanno fatto ben poco per fermare il declino dell'industria.

Più recentemente, le amministrazioni di George W. Bush e Barack Obama hanno applicato entrambe le tariffe in acciaio. Nel 2002 Bush ha imposto dazi doganali fino al 30% sulle importazioni di acciaio. Questi ultimi avrebbero dovuto durare tre anni, ma sono stati ritirati presto, dopo che l'Organizzazione mondiale del commercio (OMC) si era pronunciata contro di loro. Alcune ricerche hanno dimostrato che queste tariffe costano all'economia degli Stati Uniti fino a duecentomila posti di lavoro. Nel frattempo, Obama ha applicato le tariffe fino al 522% su alcuni acciai cinesi nel 2016.

Il dipartimento del commercio applica regolarmente dazi antidumping mirati su specifici prodotti di acciaio che trova beneficio da sussidi ingiusti; ci sono oltre un centinaio di tali azioni correttive commerciali attualmente in atto.

Ma gli economisti dicono che la proposta di Trump è diversa. L'esperto di commercio Chad P. Bown definisce la politica "senza precedenti" sia nella sua portata che nella giustificazione legale. Le tariffe precedenti riguardavano paesi specifici, come la Cina, o includevano esenzioni per gli alleati, come ha fatto Bush. Trump dice che le sue tariffe si applicano a tutti i paesi.

Inoltre, l'uso da parte di Trump di una legge di sicurezza nazionale per implementare le tariffe è estremamente insolito, sebbene Bown osservi che Reagan ha utilizzato la stessa legge per scopi più limitati. Mentre le normali azioni commerciali seguono le indagini pubbliche, il processo di Trump è opaco. La legge conferisce inoltre al presidente la piena discrezionalità su come e per quanto tempo applicare le tariffe, a differenza di altre azioni commerciali, che sono basate su condizioni economiche e soggette a revisione periodica.

Quali sono i rischi per il commercio globale?

Le azioni di Trump, soprattutto se applicate in senso lato piuttosto che mirate a paesi specifici, rischiano di innescare un ciclo di ritorsioni, una battaglia commerciale. Alcuni dei più stretti alleati di Washington sarebbero i più colpiti. Il più grande esportatore di acciaio negli Stati Uniti è il Canada. Anche Germania, Giappone e Corea del Sud sono tra i primi dieci esportatori e la Cina è solo l'undicesima. Il Canada ha definito le tariffe "assolutamente inaccettabili", mentre i principali funzionari dell'Unione Europea hanno dichiarato che stanno sviluppando piani a scopi ritorsivi. Alcune società europee, in risposta, hanno dichiarato di sospendere gli investimenti statunitensi.

Le tariffe di ritorsione potrebbero mettere a repentaglio anche altre industrie statunitensi. La Cina sta già riesaminando se limitare le importazioni di grano e soia americani in risposta alle tariffe precedenti, e gli esperti dicono che Pechino potrebbe estendere tale politica ad altre importanti importazioni statunitensi, tra cui tecnologia, aeromobili e proprietà intellettuale.

 

Qual è il ruolo dell'Organizzazione Mondiale del Commercio?

Gli economisti avvertono che l'appello di Trump alla sicurezza nazionale potrebbe minare la struttura delle regole commerciali costruite faticosamente dopo la seconda guerra mondiale. Altri paesi potrebbero sfidare le tariffe di Trump all'OMC, ma le norme di questo organismo comprendono esenzioni per le misure di sicurezza nazionale, una scappatoia che è stata raramente sfruttata. Gli esperti legali affermano che è improbabile che l'amministrazione Trump perda un caso del genere.

Una sfida all'OMC potrebbe avere diverse conseguenze non volute, dicono gli analisti. Se Trump dovesse perdere, potrebbe ignorare la sentenza, minando l'OMC, oppure potrebbe ritirare gli Stati Uniti dall'istituzione del tutto, cosa che in precedenza aveva minacciato di fare. D'altra parte, se dovesse vincere, potrebbe aprire la porta ad altri paesi usando l'esenzione di sicurezza nazionale, un protezionismo potenzialmente crescente.

Ciò, a sua volta, potrebbe alleviare la pressione sulla Cina, le cui sovvenzioni e altre distorsioni commerciali sono state un obiettivo importante nel forum delle controversie dell'OMC. Se la sicurezza nazionale diventasse una logica accettata per il protezionismo, Pechino potrebbe aumentare le proprie pratiche discriminatorie e bloccare ulteriormente le importazioni e gli investimenti negli Stati Uniti. Gli alleati degli Stati Uniti hanno creato questo caso, sostenendo invece un fronte unito contro la sovrapproduzione cinese.

 

 


Blog Lavoro - Archivio

Oltre la Didattica

17 Giu 2019 12:38 - Alma Laboris - Docente: Domenico del Sorbo

Come abbiamo già visto nel precedente lavoro, l’art. 2 UCP 600 ICC indica che “Presentazione Conforme” [ ... ]

17 Giu 2019 12:38 - Alma Laboris - Docente: Domenico del Sorbo

Come abbiamo già visto nel precedente lavoro, l’art. 2 UCP 600 ICC indica che “Presentazione Conforme” [ ... ]

17 Giu 2019 12:38 - Alma Laboris - Docente: Domenico del Sorbo

Come abbiamo già visto nel precedente lavoro, l’art. 2 UCP 600 ICC indica che “Presentazione Conforme” [ ... ]

Contatta la Business School
Seguici su:

Questo sito usa cookie, anche di terzi, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Procedendo con la navigazione accetti l'uso di tali cookie. Leggi Cookie Policy.