Avvocato, quando si verifica conflitto d’interessi nel patrocinio a favore di società?

Una recente sentenza della Corte di Cassazione è intervenuta circa il conflitto d’interessi di un avvocato che presta il proprio patrocinio a favore di una società e dei suoi soci.

È stato in questa sede stabilito come le società di persone, benché prive della personalità giuridica, sono soggetti di diritto autonomi. Avvocato società

Un interessante articolo di “Altalex” ha segnalato come la Cassazione, a Sezioni Unite, con la sentenza 15 marzo 2022, n. 8337, ha di fatto decretato come non sussista conflitto di interessi tra l’avvocato che assista una società in nome collettivo, nonché i singoli soci in un giudizio di accertamento sulla giusta causa di recesso di un altro socio.

Viene ravvisato un errore di diritto nella sentenza del CNF, laddove è stato ritenuto che l’incarico assunto nell’interesse della società in nome collettivo sia automaticamente anche relativo ad un interesse dei singoli soci, in ciò ravvisando il conflitto di interessi.

Una società in nome collettivo è un soggetto autonomo, che gode di una distinta soggettività rispetto ai singoli soci; in questo senso, dunque, il debito sociale non si configura come un debito proprio del socio, ma unicamente della società.

E dunque, come stabilisce la sentenza, il fatto che l’avvocato abbia assunto “incarichi per la società o per soci in posizioni analoghe (quelli non receduti), in posizione contrapposta a quella di altro socio (quello receduto)” non integra l'illecito deontologico di cui all’art. 24.

Image


POTREBBE INTERESSARTI


Cookie Privacy

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.