Privacy e smart working, come proteggerla: alcuni consigli

Privacy e smart working, come proteggerla: alcuni consigli

L’attenzione alla protezione della privacy da parte del mondo della sicurezza informatica è ormai sempre crescente. Difesa dei dati personali dagli hacker, dall’involontaria gestione maldestra di aziende che ne immagazzinano troppi, persino dai governi che si intromettono nella vita dei loro cittadini.

Privacy Smart Working

Come proteggere la privacy in smart working

La sfida del nostro tempo per questo particolare settore che interessa da vicino materie come giurisprudenza, informatica, e soprattutto il mondo del lavoro, è quella di adeguare una corretta gestione dei dati personali dei dipendenti di un’azienda dallo smart working, vero e proprio fenomeno lavorativo del 2020. Come proteggere la privacy lavorando da casa? Ecco alcuni consigli dagli esperti.

Privacy del lavoratore dipendente, i rischi dell’ambiente di casa

Come è ovvio che sia, il datore di lavoro conta sul lavoratore dipendente per mantenere private le informazioni che concernono l’azienda e i suoi componenti. Se mantenere la privacy, in tal senso, non costituisce un problema in una vita lavorativa condotta per lo più in ufficio, quando tutto il lavoro e ogni conversazione è disponibile per chiunque passi davanti al pc, la situazione potrebbe essere rischiosa.

D’altro canto, anche la situazione inversa può generare dei problemi riguardanti la privacy degli individui. Ad esempio, le persone con cui si vive potrebbero essere ‘sorprese’ in situazioni domestiche dal datore di lavoro, durante una videochiamata. Ma tutto ciò si traduce anche in una questione di spazi: l’equilibrio familiare dei coinquilini potrebbe essere sconvolto dall’improvvisa necessità, per il lavoratore, di ritagliarsi una stanza o un angolo della casa ‘inaccessibile’ per chi vive con lui.

Privacy e lavoro da casa, consigli dagli esperti sugli strumenti per la protezione dei dati personali

Tenere privata la propria vita personale è difficile, e occorre una grande capacità nel mantenere l’equilibrio. Accanto a ciò, esistono una serie di strumenti e tattiche che possono aiutarti a proteggere il confine tra vita privata e vita professionale.

Primo elemento da tenere d’occhio: la webcam, periscopio per osservare il mondo esterno e per essere osservati da quest’ultimo. L’utilizzo di copertine decorative, disponibile in molte piattaforme di videoconferenza, per nascondere il background, può mascherare il disordine di una camera, rimuovendo dallo schermo elementi che si desidera non far apparire in un meeting. Tenere spenta la telecamera al termine di una conferenza, inoltre, potrebbe non bastare: la migliore protezione è avere una copertura per webcam che si attacca allo schermo del pc, e funge da finestra scorrevole.

È molto importante mantenere le cose private rispetto al proprio partner, ai propri figli, e a chiunque popoli la casa. In questo
senso potrebbe essere utile installare uno scaffale o un armadio che è vietato a tutti, in cui qualsiasi cosa non deve essere guardata
o toccata da nessuno, e fare lo stesso con il proprio computer. Tenere dei pc separati, o almeno un account utente inaccessibile, è
quanto mai necessario per preservare le proprie informazioni.

 

 

Lavora e Specializzati in maniera Certificata come Giurista !!!

Master per Giuristi d’Impresa, accreditato dal C.N.F.

 


Si prega di digitare Nome e Cognome.
Si prega di inserire una Email.
Valore non valido
Valore non valido
Image

POTREBBE INTERESSARTI


Questo sito usa cookie, anche di terzi, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Procedendo con la navigazione accetti l'uso di tali cookie. Leggi Cookie Policy.