Resta Aggiornato!!!
Iscriviti al Blog per ricevere News e Approfondimenti dal Mondo del Lavoro

Si prega di inserire una Email.
Valore non valido
Image

POTREBBE INTERESSARTI


Decreto Milleproroghe 2020, cosa prevede la legge

Decreto Milleproroghe 2020, cosa prevede la legge: scarica testo definitivo in PDF

Tutto ciò che serve sapere sul provvedimento n°162 del 30 dicembre 2019, intitolato “Disposizioni urgenti in materia di proroga di termini legislativi, di organizzazione delle pubbliche amministrazioni, nonché' di innovazione tecnologica”

Uno dei provvedimenti legislativi più discussi, ogni anno, è sicuramente il cosiddetto Decreto Milleproroghe, un decreto legge del Consiglio dei ministri che ormai da diverso tempo ha la fondamentale funzione di regolare le disposizioni urgenti, entro la fine dell’anno legislativo in corso. Ecco che cosa prevede il provvedimento n° 162 del 30 dicembre 2019, di cui vi proponiamo il testo definitivo da scaricare in PDF.

Decreto Milleproroghe, tutto ciò che c’è da sapere

decreto milleproroghePrima di parlare del Decreto Milleproroghe, occorre specificare che, nell’ordinamento del nostro Paese, questa dicitura non esiste in modo ufficiale. Si tratta, infatti, di un’espressione tipica del linguaggio giornalistico italiano, entrata a far parte del lessico comune semplicemente per indicare in maniera chiara quello che non è nient’altro che un decreto legge. Il suo nome deriva dal fatto che rappresenta uno strumento per prorogare tante leggi con un solo maxi emendamento.

Che cos’è il Decreto Milleproroghe? Significato dell’espressione

Il Decreto Milleproroghe riveste una grande importanza per tutto il sistema Italia, tanto che il suo peso è stato spesso paragonato a quello della Legge di Bilancio. Questo perché ha degli effetti diretti sui conti di Stato, e perché introduce delle novità che, in un modo o nell’altro, influiranno sul cammino del Paese nell’anno successivo.

Il Milleproroghe è uno strumento utilizzato nel nostro Paese a partire dal 2005 fino al 2015, e nuovamente dal 2018. Anche nello scorso 2019, questo decreto legge ha rappresentato una vera e propria manovra per la proroga dell'efficacia di leggi in scadenza e il differimento dell'entrata in vigore di altre disposizioni.

Decreto Milleproroghe, cosa dice la Costituzione riguardo la sua urgenza

L’iter che segue il Decreto Milleproroghe è regolato dall’articolo 77 della Costituzione. Ecco cosa recita il testo: “Quando, in casi straordinari di necessità e di urgenza, il Governo adotta, sotto la sua responsabilità, provvedimenti provvisori con forza di legge, deve il giorno stesso presentarli per la conversione alle Camere che, anche se sciolte, sono appositamente convocate e si riuniscono entro cinque giorni. I decreti perdono efficacia sin dall'inizio, se non sono convertiti in legge entro sessanta giorni dalla loro pubblicazione. Le Camere possono tuttavia regolare con legge i rapporti giuridici sorti sulla base dei decreti non convertiti”.

Milleproroghe 2020 approvazione: ecco quali sono i termini per la conversione

Considerata la funzione che questo maxi emendamento riveste nella legislazione italiana, ovvero quella di un provvedimento provvisorio che ha forza di legge, questo non può che essere caratterizzato da una certa necessità e urgenza.

L’iter legislativo che il Decreto Milleproroghe deve seguire passa, innanzitutto, per la delibera da parte del Consiglio dei ministri, per l’emanazione da parte del Presidente della Repubblica. Solo dopo questi due fondamentali step può essere pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale. Nello stesso giorno della pubblicazione va presentato alle Camere, che si riuniscono entro cinque giorni per discuterne. Il decreto legge deve essere trasformato in legge passando per Camera e Senato entro sessanta giorni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale; qualora ciò non accadesse, perderebbe i propri effetti.

Il termine per la conversione in legge del Decreto Milleproroghe 2020 era fissato per sabato 29 febbraio, deadline improrogabile per consentire la validità dell’importante emendamento. Il Decreto Milleproroghe è stato convertito in legge il 26 febbraio, con l’approvazione definitiva del Senato, che ha confermato la fiducia al governo con 154 voti favorevoli, 96 voti contrari e nessun astenuto.

Lavora e Specializzati in maniera Certificata come Giurista !!!

Master per Giuristi d’Impresa, accreditato dal C.N.F. (in Aula oppure Online)

Decreto Milleproroghe 2020 testo, ecco cosa dice la legge

Dunque, il Decreto Milleproroghe si occupa di raccogliere in un unico decreto legge tutti i provvedimenti per i quali è richiesta una proroga, ovvero le norme di cui si intende posticipare l’entrata in vigore. Sono diversi gli argomenti toccati da questo maxi emendamento, varato per quest’anno definitivamente nel febbraio 2020, nonostante queste operazioni si svolgano, di solito, entro la fine dell’anno legislativo.

Il comma 1 dell’articolo 10 del Decreto Milleproroghe 2020 prevede la proroga di un anno dell'agevolazione fiscale per la cosiddetta sistemazione a verde delle aree scoperte di edifici esistenti, nonché della realizzazione di coperture a verde e di giardini pensili, misure altresì definite con l’espressione di bonus verde. In questa logica rientrano anche gli interventi di efficientamento energetico e sviluppo territoriale sostenibile, il cui termine ultimo, in base al comma 8-ter dell’articolo 1, è differito al 30 giugno 2020, data entro cui le amministrazioni che beneficiano dei finanziamenti devono obbligatoriamente iniziare i lavori.

Particolarmente discussa è stata la concessione delle autostrade italiane. Il Milleproroghe ha confermato l'obbligo per i titolari di concessioni autostradali di affidare una quota pari al 60% dei contratti di lavori e servizi entro il 31 dicembre 2020. È stata inoltre introdotta la disciplina per cui vengono regolati i casi di revoca, decadenza o risoluzione di concessioni di strade o di autostrade. Essa stabilisce che, in queste fattispecie, Anas può assumerne la gestione nelle more dello svolgimento delle procedure di gara per l’affidamento a nuovo concessionario. Vengono altresì ridotte le penali a carico dello Stato.

Anche il regime di tutela in materia di energia è interessato dal Decreto Milleproroghe. Nello specifico, il termine di cessazione del regime di tutela del prezzo per i clienti finali di piccole dimensioni nel mercato del gas viene prorogato dal 1° luglio 2020 al 1° gennaio 2022; quello per il termine di cessazione dello stesso regime nel mercato dell'energia elettrica per le piccole aziende, invece, slitta dal 1° luglio 2020 al 1° gennaio 2021. Inoltre, gli incentivi previsti per quanto riguarda l’utilizzo di fonti di energia rinnovabile inclusi nella Legge di Bilancio 2019 vengono prorogati per il 2020.

Altresì interessante è l’estensione ai comuni per cui è stato deliberato lo stato di emergenza, in seguito al verificarsi di eventi calamitosi di varia natura della riduzione dell’aliquota dal 15 al 10% della cedolare secca da applicare ai canoni derivanti dai contratti di locazione di immobili ad uso abitativo a canone concordato nei comuni ad alta densità abitativa.

Milleproroghe 2020 testo: scarica il decreto definitivo in PDF

Il Decreto Milleproroghe, dunque, ha un’importanza tutt’altro che trascurabile nel sistema legislativo del nostro Paese. Come detto, sono davvero tanti i temi che tocca, in maniera più o meno incisiva. Per questa ragione, l’emendamento riveste una rilevanza decisamente fondamentale per il prosieguo dell’attività legislativa italiana, e per molti dei settori più importanti, sia per il nostro sistema politico, che per la vita quotidiana dei cittadini.

Al fine di una migliore fruizione del Decreto Milleproroghe 2020, vi proponiamo di seguito il testo definitivo del decreto in PDF, da scaricare compilando la form sottostante. Si tratta di un estratto della Gazzetta Ufficiale in cui è contenuto solo il testo del decreto n°162 del 30 dicembre 2019.

Scarica il Pdf del Testo definitivo Decreto Milleproroghe 2020

ed Iscriviti alla Newsletter: Resta Aggiornato!!!

decreto milleproroghe
Si prega di inserire una Email.
Acconsento
 

 

 

 


Contatta la Business School
Seguici su:

Seguici su:

Questo sito usa cookie, anche di terzi, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Procedendo con la navigazione accetti l'uso di tali cookie. Leggi Cookie Policy.