Blog Lavoro

Formazione e Carriere: Approfondimenti, News e Tendenze dal Mondo del Lavoro

Si prega di digitare Nome e Cognome.

Si prega di inserire una Email.


Partecipa ai colloqui del Master Executive

La Commissione europea adotta licenze Creative Commons per condividere le informazioni

La Commissione europea ha annunciato di aver adottato le licenze Creative Commons, CC BY 4.0 e CC0, per condividere documenti pubblicati, tra cui foto, video, relazioni, studi e dati.

 

La Commissione si unisce ad altre istituzioni pubbliche in tutto il mondo che utilizzano strumenti standard, legalmente interoperabili come licenze Creative Commons e strumenti di dominio pubblico per condividere una vasta gamma di contenuti che producono. La decisione di utilizzare CC mira ad aumentare l'interoperabilità legale e la facilità di riutilizzo dei propri materiali.

Oltre all'utilizzo di CC BY, la Commissione adotterà anche la Public Domain Dedication CC0 per pubblicare opere direttamente nel pubblico dominio globale, in particolare per "dati grezzi risultanti da letture di strumenti, dati bibliografici e altri metadati".

La Commissione europea si unisce a governi come la Nuova Zelanda e i Paesi Bassi nell'uso di licenze CC e CC0 per condividere le risorse digitali che crea. Le organizzazioni intergovernative, le organizzazioni benefiche filantropiche e le politiche di finanziamento richiedono già l'applicazione di licenze CC agli output digitali dei fondi di sovvenzioni, per promuovere il riutilizzo dei materiali nel bene pubblico con restrizioni minime.

La decisione di richiedere il riutilizzo dei documenti della Commissione ai sensi di CC BY e CC0 è stata determinata insieme a uno studio sugli strumenti di attuazione del riutilizzo disponibili e considerazioni sulle licenze. Fino ad ora la Commissione si era basata su "avvisi di riutilizzo" (una semplice nota di copyright con link alla decisione sul riutilizzo) che avrebbe accompagnato i materiali coperti, ma questa pratica ha prodotto "oneri amministrativi inutili per i reuser e per i servizi della Commissione".

Nel 2014 la Commissione ha pubblicato una raccomandazione sull'uso di licenze Creative Commons come CC BY e CC0 Public Domain Dedication nel contesto degli Stati membri che condividono le informazioni del settore pubblico.

La Commissione europea adotta Creative Commons per condividere le informazioni

Lo studio sopra menzionato valuta varie opzioni che la Commissione deve prendere in considerazione per i propri documenti, tra cui la "notifica di riutilizzo", le licenze CC, le licenze Open Data Commons e una potenziale licenza della Commissione su misura. I suoi autori hanno stabilito che CC BY 4.0 è la licenza meglio allineata ai principi della Commissione per il riutilizzo. Secondo il rapporto, CC BY 4.0 è:

  • Universale: concepito per essere applicabile a tutti i documenti (a scelta del licenziante);
  • Senza restrizioni: in generale, l'unica condizione è l'attribuzione;
  • Semplice: non c'è bisogno di un'applicazione ed è facile da usare;
  • Costo: il testo di CC-BY non richiede il pagamento di tasse;
  • Non discriminatorio: i termini di CC-BY sono aperti a tutti i potenziali attori del mercato;
  • Trasparente: il testo della licenza è disponibile al pubblico, accompagnato da documenti giustificativi, linee guida e altro materiale in più lingue.

Lo studio rileva che non tutte le licenze CC e CC0 sono state tradotte nelle due dozzine di lingue ufficiali dell'UE; ci sono 10 traduzioni rimanenti per CC 4.0 (alcune in corso) e 12 per CC0.

Tra la delusione per il voto del Parlamento sulla direttiva sul copyright, che tende a una rete più ristretta e meno aperta, è rincuorante vedere la Commissione compiere progressi nel sostenere il riutilizzo dei materiali digitali che crea e condivide.

Fonte: creativecommons.org


Oltre la Didattica

17 Giu 2019 12:38 - Alma Laboris - Docente: Domenico del Sorbo

Come abbiamo già visto nel precedente lavoro, l’art. 2 UCP 600 ICC indica che “Presentazione Conforme” [ ... ]

17 Giu 2019 12:38 - Alma Laboris - Docente: Domenico del Sorbo

Come abbiamo già visto nel precedente lavoro, l’art. 2 UCP 600 ICC indica che “Presentazione Conforme” [ ... ]

17 Giu 2019 12:38 - Alma Laboris - Docente: Domenico del Sorbo

Come abbiamo già visto nel precedente lavoro, l’art. 2 UCP 600 ICC indica che “Presentazione Conforme” [ ... ]

Contatta la Business School
Seguici su:

Questo sito usa cookie, anche di terzi, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Procedendo con la navigazione accetti l'uso di tali cookie. Leggi Cookie Policy.