Biorepack, che cos’è il Consorzio sulla plastica bio e a che punto siamo

Biorepack

Dare una nuova vita alle bioplastiche, un materiale ad alto contenuto tecnologico, biodegradabile e compostabile.

È l’obiettivo precipuo di Biorepack, il Consorzio riconosciuto all’interno del sistema Conai e nuovo socio della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile. Una sinergia, senza alcun fine di lucro, che mira a garantire, su tutto il territorio nazionale, il ritiro, la raccolta, il recupero e il riciclo organico dei rifiuti di imballaggio in plastica biodegradabile e compostabile assieme alla frazione organica umida dei rifiuti urbani.

Biorepack vuole raggiungere e consolidare l’obiettivo di riciclo delle plastiche stabilito dal D.Lgs 152/2006, con un target di riciclo minimo del 50% entro il 31 dicembre 2025 e del 55% entro il 31 dicembre del 2030, rispetto agli imballaggi in plastica biodegradabile e compostabile che vengono immessi nel mercato.

Ma chi può aderire a Biorepack? I produttori, ovvero le imprese che producono oppure importano le materie prime per la produzione di imballaggi biodegradabili e compostabili; i trasformatori, le aziende che fabbricano, trasformano oppure importano imballaggi e semilavorati in materia plastica biodegradabile e compostabile; gli utilizzatori, ovvero le aziende che commercializzano gli imballaggi vuoti in plastica biodegradabile e compostabile; i riciclatori, le aziende che trattano i rifiuti da imballaggi in plastica biodegradabile e compostabile.

Ad oggi, Biorepack rappresenta il primo sistema europeo di responsabilità estesa del produttore (EPR) dedicato agli imballaggi in plastica biodegradabile e compostabile certificati UNI EN 13432. Con un occhio alla costruzione, nonché all’implementazione, di una mentalità orientata verso la sostenibilità.

Scopri i Master e Corsi che potrebbero Interessarti

Image

Iscriviti alla
Newsletter

Si prega di inserire una Email.
Si prega di inserire una Email.

Risorse Alma Laboris

Opportunità

Press Area