Sicurezza sul lavoro, postura seduta prolungata: i rischi per la salute

postura seduta prolungata

Il problema della postura seduta prolungata sta conquistando un grande interesse nell’ambito della sicurezza sul lavoro.

Di recente l’Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro ha affrontato la questione del mantenimento prolungato di una posizione seduta statica durante l’attività lavorativa con la pubblicazione di un documento, connesso alla campagna 2020-2022, dal titolo “Ambienti di lavoro sani e sicuri. Alleggeriamo il carico!”. Posizione seduta prolungata

Nella relazione viene esaminata la portata del fenomeno del lavoro sedentario e i suoi effetti sulla salute, e vengono formulate raccomandazioni sui limiti di tempo per la posizione seduta.

La relazione – a cura di Kees Peereboom e Nicolien de Langen (vhp human performance, Paesi Bassi) in cooperazione con Alicja Bortkiewicz (Istituto Nofer di medicina del lavoro, Łódź, Polonia) – spiega innanzitutto che cosa si intenda per mantenimento prolungato della posizione seduta. Si definisce ‘postura seduta prolungata’, infatti, il mantenimento della posizione per una durata pari o superiore a 2 ore continuative per volta, con la presenza delle seguenti condizioni:

  • basso consumo energetico
  • postura seduta del corpo
  • lavoro muscolare carico statico (sforzo fisico per mantenere la stessa posizione)

Secondo i dati di Eurobarometro del 2013 nell’Unione Europea “il 18% degli adulti sta seduto per più di 7,5 ore complessivamente durante la giornata”. I tempi più elevati “si registrano nei paesi scandinavi e quelli più bassi in paesi come l’Italia, il Portogallo e la Spagna”.

Inoltre secondo altri dati, quelli di Eurostat del 2017, “il 39% dei lavoratori dell’UE svolge la propria attività lavorativa da seduti; tale percentuale comprende gli addetti a lavori d’ufficio che prevedono l’utilizzo del computer, il personale dei call center e i conducenti di veicoli”. Si apprende anche che il 28% dei lavoratori “dichiara di mantenere una posizione seduta quasi tutto il tempo e il 30% per una durata compresa tra un quarto e tre quarti dell’attività lavorativa.

Chi rischia di più è anche chi fa smartworking: “Chi lavora da casa può tendere a lavorare più a lungo senza fare pause, in condizioni ergonomiche potenzialmente peggiori rispetto a quelle presenti in ufficio”. E a causa della natura più sedentaria dell’attività lavorativa e dell’aumento dell’età di pensionamento, “oggi i lavoratori possono essere più esposti al lavoro sedentario nel corso della loro vita rispetto alle generazioni precedenti”.

Quali sono gli effetti della postura seduta prolungata? Il documento annovera lombalgia; disturbi al collo e alle spalle; diabete di tipo 2 e malattie cardiovascolari; obesità; alcuni tipi di tumore, in particolare alla mammella e al colon; problemi di salute mentale; morte prematura.

 

Scopri i Master e Corsi che potrebbero Interessarti

Image

Iscriviti alla
Newsletter

Si prega di inserire una Email.
Si prega di inserire una Email.

Risorse Alma Laboris

Opportunità

Press Area

Publish modules to the "offcanvs" position.