Formazione e Carriere: Approfondimenti, News e Tendenze dal Mondo del Lavoro


 
Resta Aggiornato!!!
Iscriviti al Blog per ricevere News e Approfondimenti dal Mondo del Lavoro

Si prega di inserire una Email.
Valore non valido
Image

POTREBBE INTERESSARTI


L'Energia eolica fornisce il 14% dell'elettricità europea

L'energia eolica ha fornito il 14% dell'elettricità dell'UE lo scorso anno, contro il 12% nel 2017, secondo le statistiche pubblicate da Wind Europe. La capacità eolica è salita in Europa di 11,3 GW nel 2018: 8,6 GW onshore e 2,65 GW offshore.

La continua crescita della capacità e l'uso di turbine più potenti stanno contribuendo a incrementare la quota di vento nel mix elettrico. L'anno scorso la Danimarca aveva la quota più elevata di energia eolica nella sua elettricità (41%), seguita dall'Irlanda (28%) e dal Portogallo (24%). L’eolico era il 21% dell'elettricità prodotta in Germania.

L’eolico ha rappresentato il 49% di tutta la nuova capacità di produzione di energia elettrica in Europa nel 2018. Ma il volume di nuova capacità eolica è diminuito di un terzo rispetto al 2017 (un anno record). L'energia eolica ha vinto 9 GW di nuove capacità nelle aste lo scorso anno, rispetto ai 13 GW del 2017. Le aggiunte di capacità in Germania sono diminuite di oltre la metà dopo aste mal progettate (ora ordinate) e problemi con le autorizzazioni (in corso).

 

L'Europa ha 189 GW di capacità eolica: 171 GW onshore e 18 GW offshore.

Il 2018 è stato un anno record per la nuova capacità eolica finanziata. 17 GW dei progetti futuri hanno raggiunto la decisione finale sugli investimenti (FID): 13 GW onshore e 4,2 GW offshore. Questo è il 45% in più rispetto al 2017, ma solo il 20% in più investito in euro, a dimostrazione del fatto che i costi continuano a diminuire e si ottiene un aumento maggiore.

Giles Dickson, CEO di WindEurope, ha dichiarato: "L'energia eolica fornisce ora il 14% dell'elettricità dell'UE, contro il 12% dello scorso anno. Sempre più persone e aziende traggono vantaggio dal potere pulito ed economico che il vento offre. L'anno scorso è stato l'anno peggiore per le nuove installazioni di energia eolica dal 2011. La crescita dell'eolico onshore è diminuita di oltre la metà in Germania ed è crollata nel Regno Unito. I 12 paesi dell'UE non hanno installato una sola turbina eolica l'anno scorso.

"Gli investimenti nella capacità futura sono stati piuttosto buoni lo scorso anno grazie in Regno Unito, Spagna, Svezia - e grazie anche all'ulteriore espansione dell'eolico offshore. Ma le prospettive per nuovi investimenti sono incerte. Ci sono problemi strutturali nei permessi, specialmente in Germania e in Francia. E con la nobile eccezione della Lituania e nonostante i miglioramenti in Polonia, c'è una mancanza di ambizione nell'Europa centrale e orientale.

"I piani energetici e climatici nazionali 2030 sono un'occasione per rimettere le cose a posto. Ma i progetti di piani mancano di dettagli in modo approfondito: sulle misure politiche, i volumi d'asta, su come facilitare la concessione e rimuovere altri ostacoli agli investimenti eolici e su come espandere la rete. I governi devono risolvere questo problema prima di finalizzare i piani quest'anno ".

 

 


Contatta la Business School
Seguici su:

Questo sito usa cookie, anche di terzi, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Procedendo con la navigazione accetti l'uso di tali cookie. Leggi Cookie Policy.