giornalismo

USA, come gli studenti universitari possono aiutare a salvare il giornalismo locale

Le testate giornalistiche locali negli Stati Uniti stanno lottando per ottenere entrate dalle pubblicità e dagli abbonamenti, ma senza riuscirci particolarmente bene.

Un’industria, questa, danneggiata oltremodo dalla pandemia, e già indebolita da decenni di calo delle entrate, consolidamento della proprietà e tagli alla produzione e alla consegna. Se a ciò aggiungiamo che nelle comunità rurali e urbane di tutto il paese, i residenti hanno poco o nessun accesso a notizie e informazioni locali credibili o complete, capiamo perché gli studenti universitari (locali) possano aiutare a salvare il giornalismo locale.

Attraverso collaborazioni formali e informali, i giornalisti universitari stanno aiutando a servire le comunità in cui si trovano le loro università, fornendo contributi costanti ai media locali. È quanto riporta il portale americano “The Conversation”, che studia le tendenze nel giornalismo di comunità rurali in tutto il Paese a stelle e strisce.

Nonostante non esista un elenco completo formale di collaborazioni tra redazioni locali e programmi di giornalismo universitario, ve ne sono davvero diverse in piedi. Ad esempio, il Philip Merrill College of Journalism dell'Università del Maryland gestisce Capital News Service, mentre alcune di queste collaborazioni, come quella tra la Franklin Pierce University e il quotidiano Sentinel di Keene, New Hampshire, esistono da più di un decennio.

Una vera opportunità non solo per i giornali, ma anche per gli studenti, che ricevono istruzioni su come trovare e presentare idee per storie, condurre interviste, semplificare informazioni complesse e strutturare vari tipi di storie.

Ipotizziamo che alcune partnership vadano a beneficio anche delle comunità servite da questi giornali e siti web le quali, per l’appunto, potranno beneficiare di un maggiore accesso all’informazione. Specie se possiamo apprendere come, addirittura, alcuni membri delle comunità che gli studenti hanno contattato per le interviste hanno detto loro che stavano parlando per la prima volta con un giornalista.



POTREBBE INTERESSARTI


Cookie Privacy

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.