Master Diritto del Consumatore

Master Diritto del Consumatore, il percorso sulla tutela degli utenti

La tutela del consumatore è una materia molto importante nel mondo del lavoro di oggi, affidata solo a professionisti molto preparati, qualificati per ricoprire le figure professionali dell’ambito. Un argomento quantomai caldo in un’opinione pubblica particolarmente sensibile a questo genere di tematiche, una fattispecie su cui si conosce molto poco, e della quale spesso si tralasciano (o si ignorano) le grandi potenzialità dal punto di vista occupazionale. Scegliere di investire su sé stessi con un Master in Diritto del Consumatore vuol dire costruire un percorso di carriera in un settore in grande crescita. Vediamo quale percorso in consumerismo scegliere.

Perché è importante formarsi sul diritto del consumatore

Essere preparati sulla disciplina del diritto del consumatore significa farsi largo in un ambito del sapere che, come detto, riserva grandi possibilità ai propri professionisti in termini di sviluppo di carriera. La tutela degli utenti è infatti un argomento sempre più interessante, in virtù del fatto che nel corso degli ultimi decenni la figura del consumatore ha acquisito un valore sempre maggiore. Ecco perché è importante formarsi sul diritto del consumatore con un percorso di Alta Formazione.

Diritto del Consumatore: cos’è e qual è una definizione efficace

Con l’espressione diritto del consumatore, altresì detto consumerismo, intendiamo il complesso di leggi e regolamenti volti a proteggere la figura del consumatore nei confronti di comportamenti iniqui delle aziende, o di altre realtà, al fine di tutelarne l’immagine e i diritti. Questa disciplina è stata introdotta con il Codice del Consumo, principale riferimento normativo in tal senso, che approfondiremo tra poco.

Prima di partire, tuttavia, è utile conoscere la definizione dell’espressione ‘consumatore’, contenuto proprio nell’articolo 3 del Codice: “Ai fini del presente codice, ove non diversamente previsto, si intende per consumatore o utente la persona fisica che agisce per scopi estranei all'attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o professionale eventualmente svolta”.

Accanto a questa figura, inoltre, poniamo quella del professionista, che il Codice definisce come la persona fisica o giuridica che agisce nell'esercizio della propria attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o professionale, ovvero un suo intermediario.

Diritto del Consumatore, il Codice del Consumo e la normativa in vigore

Una storia, questa, nata in Europa intorno agli anni ‘50: il Regno Unito e la Danimarca furono i primi due paesi in cui venne istituito un organismo di tutela del consumatore, sulla stregua di quanto avveniva già da tempo negli Stati Uniti. L’ordinamento normativo italiano, ad oggi, stabilisce in modo chiaro gli obblighi tra chi produce, da un lato, e chi consuma, dall’altro.

Tuttavia, il processo di legiferazione, in questo ambito, è iniziato nel nostro Paese solo nel 1990, con la legge n. 142 dell'8 giugno, che prevedeva il diritto delle associazioni dei cittadini di avere accesso alle strutture e agli atti amministrativi. È nel 1998 che vengono recepiti i principi contenuti nelle normative comunitarie: con la legge n. 281 del 30 luglio, l’Italia riconosce i diritti individuali e collettivi dei consumatori e degli utenti e ne promuove la tutela anche in forma collettiva e associativa.

Come già detto, è il Codice del Consumo il principale riferimento normativo italiano in materia di tutela del consumatore. Emanato nel 2005 con il d.lgs n°06, e aggiornato successivamente in diversi momenti, contiene il complesso delle norme a tutela dei consumatori vigenti nel nostro Paese.

Quali sono i diritti fondamentali del consumatore secondo le leggi attuali

Nel Codice del Consumo vengono anche enunciati i diritti del consumatore, cosiddetti ‘fondamentali’: l’articolo 2 ha stabilito, infatti, dei principi di massima da rispettare perché un consumatore sia tutelato. Ecco quali sono:

  • tutela della salute
  • sicurezza ed alla qualità dei prodotti e dei servizi
  • una adeguata informazione e ad una corretta pubblicità
  • esercizio delle pratiche commerciali secondo i principi di buona fede e di correttezza e di lealtà;
  • educazione al consumo
  • correttezza, alla trasparenza e all’equità nei rapporti contrattuali
  • promozione ed allo sviluppo dell’associazionismo libero, volontario e democratico tra consumatori e gli utenti
  • erogazione di servizi pubblici secondo standard di qualità ed efficienza

Perché scegliere un Master di Alta Formazione in diritto del consumatore

La disciplina del diritto del consumatore, oltre a rappresentare una materia di sicuro interesse per un vasto novero di professionisti, è un settore particolarmente foriero di opportunità di lavoro. La domanda di risorse è infatti particolarmente elevata. Per le aziende, che cercano di inglobare professionisti esperti in questa materia al fine di gestire le controversie con i consumatori e tutelarne l’immagine; per i consumatori stessi, che fanno valere i loro interessi in maniera sempre più decisa. Scegliere di frequentare un Master in Diritto del Consumatore è dunque vincente nel contesto in cui siamo immersi. A patto di optare per il percorso di formazione giusto.

Come scegliere il miglior percorso di Alta Formazione

Il miglior modo per conoscere tutto riguardo la materia del diritto del consumatore è quello di frequentare un Master Executive. Questo perché questo genere di percorsi, che si distinguono per un carattere spiccatamente pratico, hanno in sé tutte le caratteristiche più importanti per preparare il discente ad avere successo nel mondo del lavoro di oggi.

Programma didattico improntato sulle richieste delle aziende, Faculty Docenti di elevata caratura, e una Formula Weekend per consentire al Partecipante di conciliare la voglia di formarsi ai suoi impegni professionali e personali: sono queste le caratteristiche del Master per Avvocato del Consumatore di Alma Laboris Business School, il miglior percorso in tutela del consumatore per un vasto novero di risorse.

Perché scegliere il percorso di Alta Formazione di Alma Laboris

Il Master di Alma Laboris include, per i professionisti che ne facciano richiesta, un Servizio Placement gratuito come quello ad opera dei professionisti del Cooming Job, la Placement Unit della Business School.

La promozione funzionale dei profili dei discenti alle oltre 6000 Aziende Partner che fanno parte del Network Alma Laboris, un’attività di Career Coaching individuale e personalizzata per le ambizioni del singolo, complesso di azioni che tendono all’Orientamento lavorativo del Partecipante come quelle del Career Coaching individuale, rendono questo Master riconosciuto nel mondo del lavoro come strumento valido per la massimizzazione del suo sviluppo di Carriera.

Image

 


Image
Cookie Privacy

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.