Blog Lavoro

Formazione e Carriere: Approfondimenti, News e Tendenze dal Mondo del Lavoro

Si prega di digitare Nome e Cognome.

Si prega di inserire una Email.


Blog Lavoro - Archivio

Indagine sui sistemi di gestione dell’energia certificati ISO 50001 in Italia

iso 50001

Come si stanno sviluppando in Italia i sistemi di gestione dell’energia (SGE), definiti dalla norma ISO 50001 e introdotti nel 2011? Quali benefici danno all'aziende?

Lo spiega un'indagine curata negli ultimi due mesi da FIRE, insieme a CEI e CTI.

“I sistemi di gestione dell’energia collegati alla norma ISO 50001 sono uno strumento fondamentale per aiutare le imprese a collegare core business e sostenibilità, in quanto investono nel tempo tutta l’organizzazione nella gestione delle risorse”.

Dario Di Santo della Federazione Italiana per l’uso Razionale dell’Energia (FIRE) nel corso della presentazione a Milano, il 21 giugno, “Indagine sui sistemi di gestione dell’energia certificati ISO 50001 in Italia. Evoluzione, problematiche e dati”.

I sistemi di gestione dell’energia (SGE), definiti dalla norma ISO 50001, sono stati introdotti nel 2011 sulla scorta della norma europea EN 16001. Si basano sul ciclo di miglioramento continuo Plan-Do-Check-Act focalizzato sull’energia e sono caratterizzati da un approccio quantitativo fondato su dati misurati.

 

iso 50001

 

Una ricerca dell’Harvard Business School mostra come le imprese che hanno investito su ambiente, aspetti sociali e governance in modo intelligente, abbiano ottenuto dagli anni ‘90 ad oggi consistenti miglioramenti in termini di aumento del valore delle proprie azioni.

I sistemi di gestione dell’energia consentono di avviare questa trasformazione e i risultati si vedono, come mostrano le esperienzedi Germania, Usa, Irlanda, Svezia e anche Italia.

Dallo studio è emerso che un SGE certificato ISO 50001 non solo consente di realizzare dei consistenti risparmi energetici, ma permette di sfruttare investimenti di tipo energetico e ambientale per cogliere dei benefici in collegamento al core business. Nel grafico si può notare che dal 2014 il sistema è in crescita. A giugno 2016 le organizzazioni certificate ISO 50001 sono circa 350 a cui corrispondono 630 siti.

 

iso 50001

 

Il Comitato Termotecnico Italiano (CTI), nel corso dell’incontro, ha evidenziato come la ISO 50001 sia a livello internazionale in fase di revisione per aumentarne l’efficacia e rispondere ad alcune problematiche emerse nei primi cinque anni di utilizzo sul campo. Sono state pubblicate diverse norme che coprono temi come le diagnosi energetiche, la misura dei risparmi energetici, il benchmarking, ecc.

Il collegamento fra SGE e obblighi per le grandi imprese è stato illustrato dall’ENEA, che ha mostrato il buon risultato conseguito a livello nazionale sull’obbligo del 2015 e ha chiarito i benefici che derivano dalla certificazione nell’adempimento di quanto previsto dal D.Lgs. 102/2014 in termini di diagnosi energetiche obbligatorie.

Dal punto di vista operativo sono emersi diversi aspetti grazie agli interventi di Certiquality, Energy Team, Fedabo, Hitachi, Kairos, Schneider Electric, Seaside, V.P.E. e Roedl & Partner e alla condivisione di Fire di quanto emerso al recente incontro internazionale di Stoccolma:

  • Le imprese certificate ISO 50001 sfruttano meglio le risorse energetiche di quelle non certificate, e nel tempo accostano al vantaggio economico del risparmio energetico quello di una maggiore competitività e di migliori performance finanziarie per la capacità di introdurre innovazioni più marcate sui processi e negli edifici che si riflettono sul core business;
  • Lo sviluppo tecnologico dei sistemi di monitoraggio e software e la crescente connessione fra i vari dispositivi aziendali consente di ottenere forti sinergie con il sistema di gestione dell’energia, rendendolo più efficace e massimizzandone l’impatto sulle pratiche aziendali;
  • Fra i punti da migliorare per le organizzazioni che si certificano ci sono il coinvolgimento delle diverse funzioni aziendali nel sistema di gestione, la comunicazione verso l’interno e l’esterno, e l’adozione di procedure di acquisto di beni e prodotti che tengano conto dell’impatto energetico e ambientale nel ciclo di utilizzo aziendale;
  • Le difficoltà riguardano il coinvolgimento delle PMI, la possibile burocrazia collegata agli SGE e la mancanza di tempo e risorse, che rende più complesso per i dipendenti adattarsi al sistema stesso.

I sistemi di gestione dell’energia sono consigliati in tutte le realtà medio-grandi in virtù dei benefici superiori che consentono di ottenere grazie alla definizione di politiche aziendali con obiettivi specifici, all’impegno dei vertici dell’organizzazione, al coinvolgimento di tutti i livelli del personale, alla definizione di un piano di azione dettagliato e alle azioni di monitoraggio dei consumi puntuali e di sensibilizzazione del personale.

 

Diventa Energy Manager Qualificato con il Master Alma Laboris >>>

 

 

 

 


Blog Lavoro - Archivio

Oltre la Didattica

17 Giu 2019 12:38 - Alma Laboris - Docente: Domenico del Sorbo

Come abbiamo già visto nel precedente lavoro, l’art. 2 UCP 600 ICC indica che “Presentazione Conforme” [ ... ]

17 Giu 2019 12:38 - Alma Laboris - Docente: Domenico del Sorbo

Come abbiamo già visto nel precedente lavoro, l’art. 2 UCP 600 ICC indica che “Presentazione Conforme” [ ... ]

17 Giu 2019 12:38 - Alma Laboris - Docente: Domenico del Sorbo

Come abbiamo già visto nel precedente lavoro, l’art. 2 UCP 600 ICC indica che “Presentazione Conforme” [ ... ]

Contatta la Business School
Seguici su:

Questo sito usa cookie, anche di terzi, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Procedendo con la navigazione accetti l'uso di tali cookie. Leggi Cookie Policy.