Blog Lavoro

Formazione e Carriere: Approfondimenti, News e Tendenze dal Mondo del Lavoro

Si prega di digitare Nome e Cognome.

Si prega di inserire una Email.


Blog Lavoro - Archivio

Certificazione Energetica: Cresciuti gli Addetti nel Settore Energia con Certificato Accreditato

Certificazione Energetica: Cresciuti gli Addetti nel Settore Energia con Certificato Accreditato

Secondo un'indagine di Fondazione Symbola e Cloros in collaborazione con Accredia (l'ente unico nazionale di accreditamento), addetti cresciuti del 4% nelle pmi con certificato accreditato

 

Secondo una recente indagine firmata dalla Fondazione Symbola e Cloros in collaborazione con Accredia (l'ente unico nazionale di accreditamento), le piccole e medie imprese con certificato energetico accreditato, nel periodo 2009-2013, hanno visto crescere gli addetti del 4%, contro lo 0,2% delle altre. Questo perché godono di miglior vita con fatturati aumentati mediamente del 3,5%, anche grazie alle maggiori esportazioni. A ciò si aggiunge il fatto che l’efficienza delle aziende certificate si traduce anche in minori oneri economici e in minori costi, in virtù di una migliore gestione delle risorse aziendali.

 

La Certificazione Accreditata

Per quanto riguarda le imprese, la certificazione accreditata conferisce maggiore incisività e penetrazione sul mercato, grazie al vantaggio competitivo; inoltre attraverso di essa il fornitore può dimostrare al cliente che opera in conformità alle norme nazionali ed internazionali e alle prescrizioni attinenti al proprio campo di attività. Essa infatti verifica, in modo terzo e indipendente, il mantenimento e l’aggiornamento delle competenze dei professionisti o l’approccio sistemico al miglioramento continuo dei processi relativi a un sistema di gestione. In più, è facilitato l’accesso alle gare pubbliche e si accresce la reputazione aziendale e la fiducia trasmessa ai consumatori.

 

«Molti sono i posti di lavoro che si potrebbero creare - spiega il presidente di Accredia, Giuseppe Rossi - grazie alla certificazione accreditata, in questo settore, dal momento che il decreto legislativo 102/2014 ha imposto l’obbligo alle grandi imprese e a quelle energivore di effettuare diagnosi energetiche nei propri siti produttivi, allocando anche dei Fondi al fine di incentivare le pmi a sottoporsi ad audit energetici. E di fatti l’importanza delle certificazioni ambientali si sta già facendo sentire nel mondo del lavoro».

 

Questo tipo di certificazione risponde alla richiesta dei consumatori di avere garanzie sempre crescenti sull’affidabilità e sostenibilità dei beni e servizi acquistati, contribuendo all’adozione di comportamenti energeticamente consapevoli e con ricadute positive sull’ambiente.

 

I Benefici Derivanti dalla Certificazione Accreditata

Per ciò che riguarda nello specifico, i benefici derivanti dalla certificazione accreditata, gli Esperti in Gestione dell’Energia (EGE) hanno evidenziato l’aumento della reputazione professionale (per il 48%), una maggiore visibilità sul mercato (32%), l’avanzamento professionale (11%) e la facilitazione nelle gare di appalto (10%). Le società che forniscono servizi energetici hanno identificato come benefici: l’aumento della fiducia del cliente nel prodotto o servizio offerto (per il 66%), la maggiore visibilità sul mercato (per il 64%), l’aumento della qualità dei servizi forniti (55%), la facilitazione nella partecipazione a gare d’appalto (51%) e la maggior credibilità con le istituzioni bancarie (26%).

 

Le organizzazioni certificate ISO 50001 hanno evidenziato come benefici l’opportunità di misurare la prestazione energetica (72%), o di innescare l’innovazione di processo, l’identificazione delle priorità in campo energetico (53%), il miglioramento delle competenze (31%).

 

I Numeri del 2016

Nel 2016 sono stati 1.674 gli Esperti in Gestione dell’Energia certificati sotto accreditamento: il 44% di essi lavora nel settore dell’agricoltura, che è quello che ha il maggior numero di organizzazioni che si sono dotate di un Energy Manager certificato EGE, seguito da quello dell’industria e del terziario, rispettivamente con il 25%, della Pubblica amministrazione con l’11% e dei trasporti con il 7%.

 

«Oggi quello dell’efficienza energetica è uno degli strumenti principali per raggiungere gli obiettivi di politica ambientale e per il miglioramento dei consumi energetici che ha individuato l’Unione Europea - ha commentato Rossi. Affidarsi alle certificazioni accreditate è una delle soluzioni che ha introdotto anche il governo italiano per raggiungerli. Come evidenziato dalla ricerca, chi punta alla sostenibilità dei propri servizi ottiene un vantaggio competitivo sul mercato, riduce il rischio, si posiziona meglio, accresce la propria reputazione tra i clienti e rafforza credibilità e immagine. La certificazione rilasciata da un organismo autorizzato, terzo e indipendente diventa pertanto un asset vantaggioso per tutti, dalle imprese, alla Pa, ai consumatori finali. Per questo abbiamo deciso di coinvolgere nell’indagine gli esperti e le aziende che si occupano e si sono dotate di certificazione accreditata per approfondire gli aspetti positivi e aree di miglioramento di questo settore, raccogliendo anche il contributo del ministero dello Sviluppo economico e di quello dell’Ambiente, che hanno ribadito come la qualificazione degli operatori rappresenti un fattore chiave per migliorare il mercato dei servizi energetici. Rispetto ad altri Paesi come la Germania, che vanta più di 6mila aziende che hanno certificato il loro sistema di gestione dell’efficienza energetica siamo un po’ più indietro nell’utilizzo di queste forme di certificazione, attestandoci oggi su un numero di certificati vicino ai 1.300; il trend però è in forte crescita rispetto all’anno scorso e le politiche incentivanti del governo dovrebbero ulteriormente facilitare il ricorso da parte delle imprese e pubblica Amministrazione a questi strumenti».

 

L’Esperto in Gestione dell’Energia o Lead Auditor Energetico

Gli operatori che potranno fare queste diagnosi sono esperti in gestione dell’energia e auditor. Il valutatore di sistemi di gestione ambientale che sia auditor o figura certificata sotto accreditamento deve soddisfare determinati requisiti in termini di istruzione e di esperienza lavorativa, nonché di caratteristiche personali, appositamente definiti a livello di standard internazionale ISO. In particolare, deve avere un numero determinato di anni di esperienza lavorativa di cui almeno due nel campo della gestione ambientale e 40 ore di formazione specifica. Per supportare al meglio i professionisti, proprio la Business School Alma Laboris presta la massima attenzione all’organizzazione del Master in ENERGY MANAGEMENT, accreditato dal Consiglio Nazionale Ingegneri (CNI), proponendo un programma ideato per trasmettere ai Partecipanti le conoscenze e le competenze integrate per proporsi come:

  • Energy Manager (in base alla legge 10/91);
  • Esperto nella Gestione dell’Energia (in base al punto 5 della UNI-CEI 11339/2009);
  • Auditor Energetico (in base al punto 5 della UNI CEI EN 16247 parte 5);
  • Auditor / Lead Auditor di Sistemi di Gestione per l’Energia (ISO 50001);
  • Consulente Energetico, in senso più ampio.

 

«Gli studi scientifici agevolano il percorso per diventare tecnici nel settore dell’energia e dell'ambiente - conclude il presidente di Accredia -. Ai nostri giovani il consiglio che si può dare, in questo come in altri settori, è quello di affiancare agli studi esperienze sul campo, al fine di poter conoscere le applicazioni pratiche delle nozioni acquisite durante gli studi. Sì, per esempio, le certificazioni degli esperti in gestione dell’energia e degli auditor energetici danno grande rilievo, tra i criteri di ammissione all’esame, all’esperienza svolta sul campo, creando opportunità anche per lavoratori che si vogliono ricollocare».

 

Diventa Esperto in Gestione dell'Energia,
con il Master "ENERGY MANAGEMENT" della Business School >>>

 


Blog Lavoro - Archivio

Oltre la Didattica

17 Giu 2019 12:38 - Alma Laboris - Docente: Domenico del Sorbo

Come abbiamo già visto nel precedente lavoro, l’art. 2 UCP 600 ICC indica che “Presentazione Conforme” [ ... ]

17 Giu 2019 12:38 - Alma Laboris - Docente: Domenico del Sorbo

Come abbiamo già visto nel precedente lavoro, l’art. 2 UCP 600 ICC indica che “Presentazione Conforme” [ ... ]

17 Giu 2019 12:38 - Alma Laboris - Docente: Domenico del Sorbo

Come abbiamo già visto nel precedente lavoro, l’art. 2 UCP 600 ICC indica che “Presentazione Conforme” [ ... ]

Contatta la Business School
Seguici su:

Questo sito usa cookie, anche di terzi, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Procedendo con la navigazione accetti l'uso di tali cookie. Leggi Cookie Policy.