Blog Lavoro

Formazione e Carriere: Approfondimenti, News e Tendenze dal Mondo del Lavoro

Si prega di digitare Nome e Cognome.

Si prega di inserire una Email.


Blog Lavoro - Archivio

ENERGIA: IL COMPARTO NON CONOSCE CRISI

News 2

Più di 36mila nuovi posti di lavoro nel giro di un anno, per un totale di 471.500 addetti diretti o nell'indotto. Il comparto energetico italiano continua a creare occupazione, trainato in primo luogo dallo sviluppo delle rinnovabili. Ma la crisi economica internazionale e la conseguente riduzione dei consumi energetici hanno l

asciato il segno sull'industria tradizionale.   Il comparto dell'energia elettrica da fonti rinnovabili è riuscito a creare 45mila nuovi posti di lavoro. Oggi le fonti alternative danno lavoro, direttamente o indirettamente, a 86mila professionisti, più che raddoppiati dai 41mila del 2010. È la quota più alta in assoluto dopo i 130mila occupati nel settore energetico tradizionale e rappresenta circa il 18% del totale dell'energy.   Il candidato più richiesto è un laureato (nel 41% dei casi), spesso con un corso di specializzazione o un master (38%). L'aumento della domanda va però a scontrarsi con la mancanza di figure adeguatamente preparate. Questo si traduce in una ricerca di personale che il 26% dei responsabili delle risorse umane ritiene difficoltosa. Tra le ricerche di professionisti del settore avviate nel 2011, il 14% è ancora aperto e il 35% ha richiesto 6 mesi per andare a buon fine.   Eduardo Salvia, managing partner Odgers Berndtson, la seconda società di cacciatori di teste europea, ha recentemente presentato uno studio sui green manager nella tavola rotonda proposta dal Master sulle Energie rinnovabili. Tra le figure più richieste, conferma Salvia, vi è senz'altro l'energy manager. «Questa figura professionale nasce negli anni '70 e si diffonde in particolare dopo la prima Guerra del Golfo, quando si comincia a capire che c'è bisogno di un responsabile in grado di insegnare alle persone come gestire l'energia e risolvere le situazioni di scarsezza in modo opportuno».   Oggi ci sono 2.650 energy manager in Italia; nelle piccole e medie imprese, il loro ruolo coincide spesso con quello di altre figure manageriali, come gli stessi amministratori delegati o i vice-presidenti della produzione. Ma nelle aziende più grandi gli energy manager sono figure a parte, con un ruolo trasversale a tutta l'organizzazione del business. Il loro stipendio va dagli 80mila ai 150mila euro lordi l'anno. «Nei prossimi anni – continua Salvia – gli energy manager dovranno sapersi districare tra diverse tipologie di fonti energetiche, accessibili, ma a costi differenti. Ma dovranno anche saper armonizzare lo scenario esterno e le esigenze dell'azienda, le necessità produttive e i vincoli nel controllo delle emissioni serra».    Sono molto richiesti anche gli energy procurement manager, figure specializzate nell'acquisto di energia per imprese dai consumi molto elevati. Il loro ruolo è di ottimizzazione delle spese aziendali e di contrattazione con i fornitori energetici; per questo, devono avere un'ottima conoscenza del mercato e competenze commerciali altamente sviluppate. In Italia la loro presenza supera il migliaio di unità, con uno stipendio di 80-120mila euro lordi l'anno.



Blog Lavoro - Archivio

Oltre la Didattica

17 Giu 2019 12:38 - Alma Laboris - Docente: Domenico del Sorbo

Come abbiamo già visto nel precedente lavoro, l’art. 2 UCP 600 ICC indica che “Presentazione Conforme” [ ... ]

17 Giu 2019 12:38 - Alma Laboris - Docente: Domenico del Sorbo

Come abbiamo già visto nel precedente lavoro, l’art. 2 UCP 600 ICC indica che “Presentazione Conforme” [ ... ]

17 Giu 2019 12:38 - Alma Laboris - Docente: Domenico del Sorbo

Come abbiamo già visto nel precedente lavoro, l’art. 2 UCP 600 ICC indica che “Presentazione Conforme” [ ... ]

Contatta la Business School
Seguici su:

Questo sito usa cookie, anche di terzi, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Procedendo con la navigazione accetti l'uso di tali cookie. Leggi Cookie Policy.