Master Risk Management

Master Risk Management: il miglior percorso nel project

Nella gestione di progetto, che riveste un ruolo egemone in quanto a importanza per le strategie (e per le implementazioni di queste ultime) in ogni azienda, il fattore del rischio è presente in misura sempre maggiore, e con forme molto differenti di fattispecie in fattispecie.

Man mano che i progetti diventano sempre più dinamici, le organizzazioni hanno bisogno della capacità di gestire l'incertezza, o rischio, che accompagna tali cambiamenti. Risultare preparati in un panorama simile passa attraverso la frequentazione di un percorso di alta formazione sulla gestione del rischio, come ad esempio un Master in Risk Management applicato al project management.

Che cos’è la gestione del rischio, e perché è importante

Partiamo subito con il nostro core, il fulcro del nostro discorso: che cos’è, nel concreto, il risk management? Stiamo parlando di una materia di grande importanza nella disciplina del project management, che nel corso degli ultimi anni ha anche dedicato una certa letteratura all’argomento. La gestione del rischio di progetto non si limita all'identificazione e all'aggregazione dei rischi, analisi necessarie per un’attività efficace, che coinvolge diversi professionisti e che si compone di diversi step.

Risk management cos’è: definizione e significato

Una definizione efficace per l’espressione risk management che possa spiegarne bene il significato non può dunque non considerare questa materia come propria della gestione di progetto, di cui è tipica componente. Possiamo identificare la gestione del rischio come l’insieme delle attività che il team di progetto compie per identificare, valutare, prevenire, o mitigare, i rischi correlati a un progetto, che potenzialmente possono avere un impatto negativo sui risultati desiderati e sul raggiungimento degli obiettivi finali.

Il risk management è la risposta qualsiasi rischio che si presenta durante il ciclo di vita di un progetto per aiutare il progetto a rimanere in pista, e a conseguire quanto stabilito in fase di pianificazione strategica. È anche per questo che la gestione del rischio, di solito, viene considerata parte del processo di pianificazione per capire il rischio che potrebbe verificarsi nel progetto, e per controllare se effettivamente possa verificarsi lo scenario di rischio.

Cosa fa chi lavora nel risk management

Per progetti su larga scala, le strategie di gestione del rischio potrebbero includere un'ampia pianificazione dettagliata per ciascun rischio, al fine di garantire che tutte le strategie che vengono messe in atto vengano affiancate da strategie di mitigazione dei rischi, nel caso in cui effettivamente possano verificarsi.

I professionisti chiamati ad identificare gli elementi chiave del processo di gestione del rischio sono inevitabilmente investiti di grandi responsabilità; uno scenario che presume che i suoi attori siano preparati ad affrontare le situazioni, e riescano a fronteggiare le sfide che quotidianamente caratterizzano questa attività.

I membri del team di progetto che lavorano alla gestione del rischio lo fanno in tutti gli step, per mitigare il potenziale impatto degli eventi imprevisti, e quanto effettivamente possano incidere per quanto riguarda costi, tempi, modalità di realizzazione del progetto.

Le figure professionali del risk management

Le figure professionali che lavorano nel risk management, sono tante e nessuna. Cerchiamo di spiegare al meglio il significato di questa affermazione. Il futuro (neanche troppo lontano) va verso la formazione di una figura come quella del project risk manager, ovvero il professionista incaricato di gestire tutti i processi di identificazione, valutazione e controllo delle minacce che incidono, quasi inevitabilmente, su un progetto. Dotato di un approccio agile e adattivo, riesce a modulare i processi tutti i giorni, rivestendo un ruolo davvero molto rilevante.

Ma la gestione dei rischi di progetto si concretizza in una serie di processi, finalizzati a minimizzare le conseguenze negative e massimizzare quelle positive, e ad oggi in una sola figura professionale. È il project manager, infatti, ad assumersi spesso l’attività di risk management, che viene attribuita a colui il quale, sull’intero progetto, ha la massima responsabilità. Questo professionista, tra le altre mansioni, è dunque chiamato a gestire i rischi, in ognuna delle sue fasi.

Le fasi della gestione del rischio, e le principali tipologie

Gli elementi chiave di un programma di gestione del rischio includono diverse fasi. In generale, possiamo distinguerne cinque differenti: pianificazione del rischio, identificazione del rischio, analisi del rischio, piano di risposta al rischio, monitoraggio dei rischi. In ognuna di queste, il project manager esperto deve comprendere i potenziali effetti che i rischi possono avere sui propri progetti e li gestisce di conseguenza. L’effetto atteso è quello dell’aumento delle probabilità di successo del progetto.

Le tipologie di rischio sono piuttosto differenti tra loro. Possiamo distinguere innanzitutto una categoria di rischio legato a prestazioni, ambito, qualità. In questa fattispecie è incluso il rischio che il progetto, una volta completato, non funzioni come previsto o non soddisfi i requisiti previsti.

Esistono inoltre rischi legati alla pianificazione del progetto, che vengono rappresentati dalla possibilità che il progetto richieda più tempo del previsto. Conseguenza quasi diretta – ma del tutto indipendente – è quella del rischio di costo, ovvero banalmente che il progetto, in particolar modo qualora richiedesse più tempo, comporti un costo maggiore.

Correlato ad esso, il rischio legato alle prestazioni del progetto: riducendo i costi, infatti, si può incorrere in una riduzione della qualità dei risultati attesi, per cercare di rimanere all'interno del budget di base.

Come ottenere i requisiti per lavorare nel risk management

Lavorare nel project management e occuparsi di gestione del rischio comporta che alle proprie spalle si possegga una formazione di base di caratura eccellente, completa di tutti gli strumenti operativi per risultare un professionista di successo in questo specifico ambito. Un settore così pieno di sfaccettature, infatti, richiede risorse altamente preparate. Magari, che abbiano conseguito un Master in Risk Management, senza dubbio lo strumento migliore per lavorare al meglio e ricoprire ruoli di responsabilità nella gestione del rischio.

Diventare project manager, inoltre, è l’ambizione di tantissimi profili all’interno del panorama attuale. Una disciplina, quella della gestione di progetto, che contiene tanti elementi interessanti, come appunto la gestione del rischio, che conferiscono alla materia un carattere interdisciplinare. Se a ciò aggiungiamo il fatto che ogni azienda, nel mondo, qualunque sia il suo settore di riferimento, le sue dimensioni, la sua importanza, ha bisogno di un soggetto che si occupa della gestione di progetto, comprendiamo l’importanza della disciplina.

Master Risk Management: il miglior percorso in ambito project

Come scegliere il miglior Master in Risk Management? Per comprendere quale percorso di Alta Formazione possa essere il più adatto alla propria carriera, occorre cercare Master che riescano a conferire al discente tutte le skill più richieste dalle aziende, e che dunque siano dotati di quella caratterizzazione pratica ad oggi indispensabile per ogni professionista.

Optare per un Master in Project Management che dia un ampio spazio alla disciplina del risk management può essere dunque la scelta giusta. Il percorso di Alta Formazione di Alma Laboris, ad esempio, all’interno del suo programma didattico dedica un modulo alla gestione del rischio, che viene trattata con un approccio Executive, come d’altronde tutte le altre tematiche.

Il percorso, negli anni, ha mostrato qualità nella formazione e capacità di inserire il professionista nel mondo del lavoro, grazie ad alcune specifiche che rappresentano i punti di forza di Alma Laboris.

Master Risk Management Alma Laboris con Placement gratuito

Il Servizio Placement Gratuito di Alma Laboris Business School coinvolge i Partecipanti del Master in Project Management in un complesso di attività personalizzate, finalizzate alla massimizzazione dello sviluppo di carriera del discente. Il primo step è quello della promozione funzionale dei profili dei Partecipanti alle aziende, obiettivo quotidiano per chi lavora nel Cooming Job, la Placement Unit di Alma Laboris, composta da professionisti nel settore delle risorse umane.

Contemporaneamente a questa attività viene organizzato un percorso di Career Coaching individuale, per consentire al Partecipante di sviluppare degli strumenti di presentazione (curriculum vitae, cover letter ecc.) davvero vincenti nel mondo del lavoro di oggi e rendere spendibile il suo profilo in un target di contatti.

Oltre 6000 Aziende Partner, una percentuale di successo del 90% in quanto a Partecipanti che hanno ottenuto almeno due colloqui di lavoro con realtà italiane e multinazionali. Il Servizio Placement di Alma Laboris punta a realizzare gli obiettivi di carriera del discente e a permettergli di inserirsi nel mondo del lavoro; riqualificarsi professionalmente; ricollocarsi presso un’altra azienda, a seconda delle sue peculiari esigenze.

 


alma_informa_logo.png
News, Approfondimenti e Tendenze dal Mondo del Lavoro
30 Settembre 2022

Self-love: cinque consigli per valorizzarti sul lavoro

Molto spesso si parla di self-love, ovvero di “amore verso…

Self-love: cinque consigli per valorizzarti sul lavoro

in Risorse Umane

by Redazione Business School

Molto spesso si parla di self-love, ovvero di “amore verso sé stessi”: il concetto però…
30 Settembre 2022

Alzheimer: le nuove iniziative per supportare la ricerca

In Italia sono circa 1 milione le persone affette da…

Alzheimer: le nuove iniziative per supportare la ricerca

in Industria Farmaceutica

by Redazione Farma

In Italia sono circa 1 milione le persone affette da demenza: buona percentuale di queste…
29 Settembre 2022

Great Resignation, il fenomeno: un dipendente su due vuole cambiare…

Circa la metà dei lavoratori europei ha in programma di…

Great Resignation, il fenomeno: un dipendente su due vuole cambiare lavoro

in Risorse Umane

by Redazione HR

Circa la metà dei lavoratori europei ha in programma di cambiare lavoro.
28 Settembre 2022

Geolocalizzazione: perché è importante nel digital marketing

Tutte le aziende sono alla ricerca di risultati concreti e…

Geolocalizzazione: perché è importante nel digital marketing

in Digital Marketing

by Redazione Digital Marketing

Tutte le aziende sono alla ricerca di risultati concreti e nutrono il forte desiderio di…
28 Settembre 2022

Bio: cresce ancora l’export dei prodotti agroalimentari italiani

Secondo l’indagine condotta su 290 imprese alimentari e vitivinicole italiane,…

Bio: cresce ancora l’export dei prodotti agroalimentari italiani

in Export Management

by Redazione Export

Secondo l’indagine condotta su 290 imprese alimentari e vitivinicole italiane, nel 2022 le vendite di…
27 Settembre 2022

Scope creep: cos’è, cosa significa e come evitarlo

Può essere il terrore di tanti professionisti della gestione di…

Scope creep: cos’è, cosa significa e come evitarlo

in Project Management

by Redazione Project Management

Può essere il terrore di tanti professionisti della gestione di progetto, che mai vorrebbero trovarselo…
26 Settembre 2022

Nadef per il 2023, il PIL potrebbe andare sotto il…

Di certo non ottimistiche le notizie che giungono dal Nadef…

Nadef per il 2023, il PIL potrebbe andare sotto il +1%

in Economia e Finanza

by Redazione Finanza

Di certo non ottimistiche le notizie che giungono dal Nadef per il 2023, i cui…
Approfondimenti di Settore
Tendenze dal Mondo del Lavoro
Cookie Privacy

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.